Gran Bretagna, annullato lo show dove si è suicidato un concorrente

Tragedia in Gran Bretagna dove il noto e seguitissimo trash show di "Jeremy Kyle" è stato annullato dopo il suicidio di un ospite che si era sottoposto alla macchina della verità

La Gran Bretagna è la patria degli show tv. Mai come in Inghilterra, la popolazione adora vedere i programmi televisivi con grandi drammi, storie di dipendenza o di abusi, ma questa volta sembra si sia superato il limite.

Nel “The Jeremy Kyle Show”, il 62 Steve Dymond si è suicidato con un’overdose di morfina per non aver superato il test della macchina della verità a cui aveva deciso di sottoporsi per dimostrare alla fidanzata di non averla tradita. La cosa ha creato davvero un grande scompiglio in tutto il Paese e ci si è interrogati su quale sia il limite che non è giusto superare per poi non doversi trovare in tragiche situazioni come quelle di un suicidio.

Il "The Jeremy Kyle Show”, tra l’altro, è noto per essere uno dei programmi più trash, dove esiste la presenza di guardie del corpo che intervengono spesso perché gli ospiti arrivano addirittura alle mani. La rete in questo caso è stata implacabile, e ha deciso di cancellare immediatamente il programma creando però molta delusione tra i milioni di fan che da 14 anni lo seguivano in maniera assidua.

Il conduttore del programma, che tra l’altro è uno dei più ricchi della Gran Bretagna, è stato concorde con la decisione di chiusura, ma sembra che si stia già lavorando per assegnargli un altro spettacolo o addirittura un rifacimento dello stesso. Come dire: “The show must go on”