Grande Fratello, Claudio Amendola opinionista e casa nel centro di Roma

A TV Sorrisi e Canzoni Alessia Marcuzzi svela le novità del reality: Claudio Amendola opinionista, si entra in gruppo, seconda casa nel centro di Roma

Poco più di dieci giorni all'inizio della nuova edizione del Grande Fratello e il lavoro è frenetico. La quattordicesima stagione del papà di tutti i reality andrà in onda a partire dal 21 settembre su Canale 5 e, nel numero di questa settimana di TV Sorrisi e Canzoni, la conduttrice Alessia Marcuzzi svela alcune novità. La più importante è certamente la presenza di Claudio Amendola nelle vesti insolite, per lui, di opinionista: «Ho bisogno di avere accanto opinionisti che bilancino la mia attitudine materna e a essere meno coinvolta», dice la conduttrice romana. Alessia conferma anche la novità nella selezione: «Si entra in compagnia, vedremo delle strategie nuove. Il fatto di entrare con qualcuno può essere uno svantaggio se il gruppo non lega con il resto della casa, ma se è affiatato e si integra bene sarà un vantaggio», dice. Quindi entreranno solo gruppi formati da due persone, ma forse anche tre: il vincitore però sarà soltanto uno, «tutti si giocano la vittoria», spiega.

In totale nella Casa di Cinecittà entreranno «all'incirca diciotto concorrenti tra i 20 e 40 anni, di diversa estrazione sociale, provenienti come sempre da tutta Italia, metà uomini e metà donne». Dalle parole di Alessia sembra quindi che non tutti i concorrenti entreranno nel corso della prima puntata, ma potrebbe dunque esserci qualche ingresso a sorpresa nelle settimane successive. Un'altra novità è rilanciata dal settimanale ma non v'è traccia nelle parole della Marcuzzi, che probabilmente non vuole ancora svelare nulla: sembra che, durante il reality, nel centro di Roma ci sarà una "seconda casa", ma il suo ruolo - limitato alle primissime settimane - è ancora avvolto nel mistero.

Alessia può invece svelare che non ci sarà una nuova Casa per l'edizione VIP del Grande Fratello, che partirà a gennaio, qualche settimana dopo la fine dell'edizione per i comuni mortali: «Si userà la stessa Casa anche se adattata», spiega.