Harvey Weinstein a processo, parla anche Taylor Swift

Harvey Weinstein è atteso in tribunale per la testimonianza di Annabella Sciorra: intanto Taylor Swift si pronuncia sulle sue accuse

Harvey Weinstein è atteso in tribunale a New York per una nuova accusa, che coinvolge l’attrice Annabella Sciorra.

Stando a quanto riporta il Guardian, non è stato diffuso di che accusa si tratti: l’ex produttore al momento è tuttavia al centro di diversi capi di imputazione per stupro, violenze, cattiva condotta e molestie sessuali. Si ipotizza che Sciorra sia una teste, attraverso la quale i pubblici ministeri cercheranno di stabilire un modello di presunto comportamento criminale da parte di Weinstein: Sciorra ha accusato infatti pubblicamente Weinstein di averla aggredita nel 1993.

L'uomo si è però dichiarato non colpevole per tutte le accuse, sostenendo che gli incontri sessuali, con le 80 donne che lo contrastano, siano stati consensuali. Nel caso dovesse essere ritenuto colpevole, Weinstein potrebbe trascorrere in prigione il resto della sua vita. Gli avvocati del produttore, Donna Rotunno e Arthur Aidala, temono si stia cercando una condanna a tutti costi anziché la ricerca della giustizia.

Intanto, sulle accuse a Weinstein si è pronunciata anche Taylor Swift, come riporta JustJared. L’artista ha infatti avuto un ruolo in “The Giver”, film prodotto dalla Weinstein Company, e scritto una canzone per “One Chance”, ottenendo una nomination ai Golden Globe.

Swift, che è stata vittima di altri tipi di violenza in passato, ha affermato di credere alle presunte vittime. “Credo alle donne che si fanno avanti, credo alle vittime che si fanno avanti, credo agli uomini che si fanno avanti. Se si ascoltano le storie, ha scelto persone che considerava vulnerabili”.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?