Heather Parisi si schiera con i manifestanti di Hong Kong

Heather Parisi rinnova il suo supporto ai manifestanti di Hong Kong tramite il suo profilo Twitter, dove ammette la sua preoccupazione per la situazione politica dell'ex colonia inglese

Heather Parisi ha deciso di schierarsi dalla parte dei manifestanti che da settimane sono scesi in piazza a Hong Kong per reclamare l'indipendenza dell'ex colonia inglese. Non una scelta simbolica quella della showgirl americana, visto che dal 2011 risiede a Hong Kong con tutta la sua famiglia.

La donna ha quindi deciso di uscire allo scoperto e di affidare il suo messaggio a Twitter, piattaforma amata da Heather Parisi per sollevare sempre qualche polemica. “Ci sono mille verità su quanto accade a Hong Kong adesso e una sola certezza: migliaia di giovani sono disposti a sacrificare il loro futuro per un ideale. E questo ci dà immensa speranza”, ha scritto la showgirl, che evidentemente condivide i principi su cui si basa la protesta.

La donna ha poi replicato a una sua follower che si informava sulle condizioni attuali di Hong Kong: “Sono molto preoccupata! Non per la mia sicurezza, ma per il destino dei tanti giovani che si stanno immolando sull'altare di una sacrosanta battaglia.

In realtà questi non sono i primi tweet fatti dalla Parisi sulla situazione di Hong Kong. Già lo scorso 17 giugno, infatti, la cantante e ballerina scriveva: “Eravamo 2 milioni pacificamente per le strade ieri a Hong Kong. La democrazia non è uno sport da spettatori. Se tutti stanno a guardare e nessuno partecipa, non funziona. La democrazia vive solo del contributo di tutti.” Stando a quanto ha scritto in questo tweet, quindi, la Parisi non si limita alla sola solidarietà passiva per il popolo che da tanti anni l'ha accolta, ma è scesa in strada a manifestare per le vie di Hong Kong.

Commenti

cgf

Lun, 12/08/2019 - 22:14

Il marito sarà costretto a lasciare presto HK, forse anche il lavoro. Torneranno in Italia o andranno negli USA?

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 13/08/2019 - 09:33

Credo che tutto HONG KONG stia coi manifestanti, ma non credo che saluti col pugno chiuso. Lei risolverà i suoi problemi, ALTRI NO.