Kate Middleton vuole che i suoi figli vivano una vita normale

Un insider ha raccontato al Sun che ogni giorno Kate Middleton e il principe William si impegnano in un’impresa tutt’altro che semplice, fare in modo che i loro tre figli vivano un’esistenza il più normale possibile, lontana dal clamore dei media

Kate Middleton e il principe William trascorrono gran parte delle loro giornate sotto i riflettori. Entrambi, però, sono adulti e in grado di sostenere il peso dei continui giudizi (o, almeno, dovrebbero). Il duca di Cambridge è nato alla corte d’Inghilterra e ha avuto modo di abituarsi in maniera graduale ai suoi doveri. Kate ha scelto consapevolmente di entrare nel mondo dorato dei Windsor, imparando con il tempo tutti i “segreti del mestiere”. Diverso è il discorso per i loro tre figli. George (6 anni), Charlotte (4 anni) e Louis (1) non sono dei commoner, ma la loro giovanissima età e la nascita principesca richiedono una tutela speciale. Una fonte molto vicina alla royal family ha raccontato al Sun che Kate Middleton e suo marito si impegnerebbero con costanza affinché i loro figli possano avere una vita serena e normale come quella degli altri bambini.

Impresa tutt’altro che semplice per i discendenti della regina Elisabetta, come spiega anche Vanity Fair. L’insider ha chiarito: “Kate ha sempre desiderato che i bambini vivessero nel mondo reale. Lei e William non vogliono che vivano in una bolla dorata. Vogliono che crescano con le stesse esperienze degli altri bambini”. Desiderio più che naturale, benché “l’ostacolo” della popolarità non sia del tutto aggirabile. Negli anni Kate Middleton ha dimostrato che anche una testa coronata può vivere una vita parzialmente riservata se impara “l’arte del compromesso”. Da quando i duchi di Cambridge sono diventati genitori, la necessità di avere una quotidianità basata su abitudini relativamente fisse è diventata più pressante. Per questo motivo Kate, per esempio, ama cucinare per il marito e i figli. A rivelare questo particolare al sito Racked è stata Carolyn Robb, la chef che ha lavorato per più di vent’anni a Kensington Palace.

La Robb ha aggiunto: “Kate cucina molto spesso anche adesso. Arriva da un ambiente normale, da una casa normale, in cui cucinava sempre da sola. Un fatto confermato anche dal principe William, al quale ho sempre sentito dire che adora passare il tempo con la sua famiglia perché mangiano insieme al tavolo della cucina, proprio come una famiglia normale. Una cosa che, ne sono certa, fanno ancora”. A questo proposito, durante un galà, la duchessa di Cambridge ha detto: “William deve sopportare la mia cucina nella maggior parte dei casi”. William, divertito, ha replicato: “È la ragione per cui sono così magro”. Uno scambio di battute da cui è intuibile l’atmosfera familiare che regna a Kensington Palace. Per certi versi la vita di palazzo può essere “soffice” come un cuscino di velluto su un trono, ma per altri non è sempre rose e fiori. A tal proposito Kate Middleton ha parlato delle tante difficoltà da superare quando si è madri, anche se circondate da numerosi privilegi.

La duchessa ha spiegato che “diventare madre è stata un’esperienza così gratificante e meravigliosa. Tuttavia a volte è stata una grande sfida anche per me, che ho un aiuto a casa che la maggior parte delle madri non ha”. Poi ha ammesso: “Niente può davvero prepararti all’esperienza travolgente di ciò che significa diventare madre. È pieno di complesse emozioni di gioia, stanchezza, amore e preoccupazione, tutte mescolate insieme”. Proprio la preoccupazione per il futuro dei figli potrebbe essere stata la “molla” che ha spinto la futura regina consorte d’Inghilterra a cercare con tenacia la privacy familiare. A tal proposito Vanity Fair ha riportato il parere della royal expert Katie Nicholl, la quale ha affermato al Sun che Kate “ha dovuto padroneggiare la capacità di destreggiarsi tra i suoi diversi ruoli: quello regale, della moglie e della mamma” e ha puntualizzato che la duchessa di Cambridge è “una giovane donna fiduciosa e felice che ha trovato il giusto equilibro”. Non dimentichiamo, però, che il suddetto equilibrio ha un precedente molto importante a corte: la condotta anticonformista di Lady Diana.

La principessa del Galles non amava avere tate intorno che si prendessero cura dei suoi figli e andava al supermercato a comprare perfino i cibi surgelati che a loro piacevano. Per trascorrere con loro più tempo possibile a chiacchierare, Diana faceva servire a tavola tutte le portate della cena e poi congedava lo staff di servizio. Portò con sé William, di appena nove mesi, nel suo tour ufficiale in Australia e Nuova Zelanda. In un certo senso Kate Middleton sta ripercorrendo gli stessi passi di Lady Diana come madre. Katie Nicholl ha dichiarato che Kate “è molto affettuosa e tattile con i bambini. Apparentemente abbraccia e bacia sempre George, Charlotte e Louis e li riempie di fiducia accumulando elogi su di loro”. Un’educazione molto lontana da quella rigida e formale ricevuta, per esempio, dal principe Carlo. Eppure, sempre secondo la Nicholl, anche Kate Middleton sa essere severa quando serve. Proprio come accade nelle famiglie normali.