Katy Perry contro le suore: è guerra per un monastero

Katy Perry vuole comprare un ex monastero di Los Angeles e trasformarlo nella sua abitazione, due suore di 77 e 86 anni si oppongono e rivendono l'edificio

Katy Perry è abituata a "combattere", le sue rivali nel mondo della musica pop sono agguerrite. Questa volta però la guerra è piuttosto insolita: la super popstar britannica, infatti, deve affrontare due suore di Los Angeles. L'oggetto del contendere non è la numero 1 in classifica bensì un edificio della città statunitense, che in precedenza era un monastero: Katy vorrebbe andarci a vivere, suor Rita e suor Catherine - rispettivamente 77 e 86 anni - vogliono a tutti i costi evitare che la vendita venga conclusa. Per fare questo hanno messo in piedi un piano "spietato": le due sorelle hanno venduto l'ex monastero a Dana Hollister, una ex ristoratrice. Tutti fuorché Katy Perry, troppo provocante per il nostro edificio sacro, avranno pensato. Peccato che non siano loro le proprietarie effettive dell'edificio, e che quindi probabilmente la cessione dell'ex luogo di culto alla Hollister sia non legale né tantomeno effettivo.

Anche l'arcivescovo di Los Angeles José Gomez ha reagito alla vendita del palazzo da parte delle due "suorine", definendo l'atto come "illegittimo". Meglio sarebbe, secondo lui, cedere il tutto alla star di "Roar", anche perché dallo staff di Katy sarebbe stata posta sul piatto la cifra di 15 milioni di dollari. Una cifra esorbitante, per l'arcivescovo, che però la Perry può decisamente permettersi visto che solo nell'ultimo anno ha guadagnato circa dieci volte tanto.