Lisa Fusco: "Alle donne invidio solo 20 centimetri"

La soubrette napoletana Lisa Fusco, sulle pagine di Vero, dice di essere discriminata perché troppo bassa: appello a Maria De Filippi e Barbara D'Urso

Discriminata perché troppo bassa. Lisa Fusco non ci sta, vuole che anche i bassi vengano apprezzati perché lei - dalle pagine di Vero - dice che non ha «niente da invidiare ad una donna, se non 20 centimetri, ma il talento non si paga». Se una donna è brava, insomma, poco importa la sua altezza: «Faccio tanti provini, tutti si complimentano, ma poi dicono che per il ruolo avevano previsto una soubrette più alta. I bassi devono dimostrare il triplo rispetto agli altri! Ma mi sto battendo: negli scorsi giorni ho organizzato un flashmob a Napoli in favore dei bassi: abbiamo sfilato scalzi, al motto di ‘Non siamo alti, ma siamo all’altezza’, brandendo scarpe col tacco». Stando alle sue parole, quindi, una vera e propria discriminazione. Eppure Lisa Fusco - che proprio per la sua altezza, arriva a quasi un metro e 50 centimetri, è definita "soubrettina" - di possibilità in TV ne ha avute, partecipando prima a "L'Isola dei Famosi" e poi a "Grand Hotel Chiambretti". Secondo i rumors, poi, da settembre la vedremo in coppia con Francesca Cipriani tra le strade del Sudamerica, per tentare di conquistare il trofeo di "Pechino Express".

Intanto lancia un appello molto forte a due regine della televisione italiana chiedendo loro di non discriminare i bassi, non risparmiando toni quasi "minacciosi": «Se le cose non cambiano, andremo ad incatenarci fuori alla Rai! Vorrei fare un appello a Maria De Filippi: per favore, nelle tue trasmissioni prendi anche persone basse! Ora in TV ci sono solo quelle alte e raccomandate! E mi rivolgo anche a Barbara D’Urso, napoletana come me: fateci lavorare!».