Le liti e le tensioni tra Meghan e Kate in una firma

La scrittura di Meghan emerge un carattere egocentrico con un forte senso estetico e un’accuratezza che la portano a porre tutto sotto controllo

MEGHAN La scrittura di Meghan emerge un carattere egocentrico con un forte senso estetico e un’accuratezza che la portano a porre tutto sotto controllo affinché nulla abbia a scalfire la sua immagine: una sorta di narcisismo che la induce a soddisfare prima di tutto le sue ambizioni cercando sempre riposte compiacenti e gratificanti il suo Ego. Non a caso alcuni segni che si rilevano nella firma di Meghan ricordano un po’ la firma di Marylin Moore. L’educazione ricevuta ha strutturato un comportamento un po’ ammanierato (vedi ricci a fine parola e lettere iniziali molto grandi), per cui è molto attenta a non accettare regole o limiti che possano metterla al secondo posto o a sentirsi in qualche modo posposta. (La firma di Meghan)

KATE La firma di Kate, così essenziale nelle forme, indica una natura sensibile e dotata di semplicità, che non significa superficialità, bensì adattamento e consapevolezza del proprio ruolo. Forse è proprio ciò che è piaciuto alla Regina Madre poiché non le ha fatto ombra. Possiede spirito di adattamento, sensibilità femminile e un bisogno di protezione che le garantiscano serenità d’animo. Non potrebbe, infatti, sopportare il contrasto data la bassa soglia di tolleranza alla frustrazione, per cui non è sempre in grado di tollerare prolungati conflitti. Il conflitto che si è venuto a creare tra le cognate e il Palazzo è forse scattato per sentimenti di gelosia che però Kate sembra reggere meglio rispetto a Meghan. (La firma di Kate)