Lory Del Santo racconta la sua maturità hot: "Tacco 12 e senza intimo. Presi il massimo dei voti"

L'ex concorrente del Grande Fratello Vip, Lory Del Santo, ha raccontato il suo esame di Stato nel giorno in cui si è tenuta la prima prova della maturità 2019

Ospite alla trasmissione radiofonica "Un giorno da pecora", trasmessa su Rai RadioUno, Lory Del Santo ha raccontato la sua esperienza vissuta al suo esame di Stato, nel giorno in cui i neo-maturandi hanno affrontato tra i banchi di scuola la prima prova scritta di italiano, che ha dato il via agli esami di maturità 2019.

"La mia maturità? Me la ricordo perfettamente- ha esordito l'ex concorrente del Grande Fratello Vip, nel corso della sua intervista radiofonica- Entrai nella mia classe, ma non c'erano i banchi, che avevano spostato. C'erano tutti i professori che mi guardarono in modo strano, allora io uscii, un docente mi seguì e mi chiese: le serve una mano?".

Lory Del Santo e la confessione inaspettata sulla maturità

Alle prime parole facilmente equivocabili spese dalla Del Santo, è seguita una domanda decisamente hot da parte degli speaker, Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, che a Lory hanno chiesto:"Non è che quel prof. ci stava provando?". E la Del Santo, dal suo canto, non ha esitato a dare la sua esaustiva risposta: "Era un commissario esterno, non lo conoscevo, chissà... Devo dire che quel giorno ero stratosferica: avevo un tacco 12, una tutina viola di lino molto leggero. E non avevo il reggiseno. E non indossavo neanche il resto dell'intimo... Tanto c'era un doppio strato di lino in quelle parti del vestito".

E per chi si domanda che voto finale sia riuscita ad ottenere alla sua maturità, la Del Santo ha fatto sapere:"Il massimo dei voti: non andavo molto bene a scuola, ma alla maturità sono stata la più brava della classe".

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it su Facebook?

Commenti

acquazzurra

Mer, 19/06/2019 - 23:03

Beh, apprezzo almeno la sua sincerità

Popi46

Gio, 20/06/2019 - 05:40

Più che hot sarebbe meglio definirla banalmente volgare