Madonna accusata di violazione del copyright: "Mi ha scippato la canzone God Control"

Il musicista Casey Spooner accusa la popstar di non avergli corrisposto i diritti d’autore per il singolo del suo album “Madame X”: “Ora ne ho abbastanza”

Madonna è accusata di violazione del copyright. Casey Spooner, il musicista electroclash newyorkese che con Warren Fischer ha formato per anni il duo dei Fischerspooner, imputa alla popstar di aver violato il diritto d’autore non riconoscendogli i credits della canzone God Control, il singolo del 14esimo studio album della signora Ciccone, Madame X.

God Control, già discusso e contestato a causa del suo videoclip che negli Stati Uniti ha scatenato gli attivisti anti-armi, sarebbe stata scritta da Casey Spooner con il produttore Mirwais. La demo, destinata originariamente ad un lavoro solista del producer francese e storico collaboratore di Madonna, sarebbe spuntata in versione riveduta e corretta, con somma sorpresa di Casey, su Madame X. Soprattutto, i crediti del brano finito sul disco portano soltanto i nomi di Madonna Ciccone e Mirwais Ahmadzaï, il nome completo del produttore.

Casey Spooner: “Madonna e Mirwais mi hanno fregato”

In una serie di post e stories pubblicati sul proprio account Instagram ufficiale, Spooner illustra dal suo punto di vista il caso. “Madonna e Mirwais – scrive il musicista – mi hanno fregato. Sono cinque mesi che sto dietro a questa faccenda: mi sono comportato bene e sono stato paziente, ma ora ne ho abbastanza! E onestamente le condizioni sono merdose: mi hanno dato un anticipo di 25mila dollari (una cifra per evitare conseguenze legali, ndr) a fronte della pubblicazione delle royalties che, al netto di spese legali e tasse, diventeranno 10mila?!?! È un incubo senza fine di avvocati, attese, email... e per cosa?! 10mila dollari? Mi dovrebbero pagare una percentuale dei concerti. Ormai non si fanno più soldi dalle vendite dei dischi. Punto. Neanche per Madonna”.

Quando ha scoperto questa faccenda, Spooner spiega di essere rimasto “a bocca aperta” e con “un nodo in gola”, oltre che “derubato e ignorato”. “God Control – spiega l’ex Fischerspooner – era la canzone alla quale avevo lavorato. Contiene parte del mio lavoro ed è influenzata dalla mia demo. Mi sono sentito profondamente tradito”.

Casey pubblica su Instagram diversi post che rendono più chiara la questione. Il primo è una clip audio della sua God Control; il secondo un articolo dal web che racconta la sua storia; il terzo uno stralcio delle legge sul copyright; il quarto un video di un programma televisivo olandese che ricostruisce la vicenda; il quinto i messaggi che ha inviato a Mirwais e a Madonna senza mai ottenere risposta. Ad oggi, i rappresentati legali di Madonna né quelli di Mirwais hanno commentato ufficialmente la faccenda.

Visualizza questo post su Instagram

I HAVE HAD ENOUGH @madonna and @mirwais.official have fucked me over. I co-wrote GOD CONTROL and I’ve gotten no credit and no compensation. I’ve been dealing with this for 5 months and I’m over it. I have played nice and been very patient but time is up! And honestly the terms are shitty. I’m getting a 25K advance against publishing royalties which after legal fees and taxes will be 10K?!?! It’s been an endless nightmare of lawyers and waiting and more emails.....and for what?! 10K? I should be getting paid a percentage of the live show. There is no money in record sales. Period. Not even for Madonna. I’ve seen the numbers. @madonna I’ve changed my mind. I think 1% of touring profits will cover my contribution and damages. I mean, it is the opening number in the show. And while you’re galavanting around on stage....I’m completely broke in Berlin. Robbed, ignored and delayed.

Un post condiviso da Casey Spooner (@caseyspooner) in data: