Una marea di (brutte) immagini sta annegando la fotografia

Tra selfie, social e smartphone la nostra è la «photo generation» Tutti «scattano». Ma intanto rischiamo di perdere una vera arte

La fotografia è morta, proprio mentre stiamo vivendo nell'epoca dell'immagine compulsiva che ci accompagna 24 ore su 24 come mai era accaduto prima. È questa la tesi, davvero interessante, espressa da Michele Neri nel saggio Photo Generation appena pubblicato da Gallucci. Figlio di Grazia Neri, fondatrice della più importante agenzia fotografica italiana, si è dovuto arrendere all'evidenza dei fatti, alla rivoluzione cominciata poco più di dieci anni fa con il lancio sul mercato degli Smartphone che ha sovvertito il nostro rapporto con le immagini. E dunque ha deciso di chiudere i battenti perché le fotografie hanno trovato un modo diverso per diffondersi e vivere.

Al di là della crisi profonda del settore - una scelta anche economica dunque - ciò che appare presto evidente è la messa in discussione dell'autorialità, che nella cultura occidentale è questione dirimente fin dal Medioevo. Oggi invece, grazie alla facilità d'uso e alla disponibilità di tecnologie sempre più sofisticate e a basso costo, chiunque può sentirsi a ragion veduta creatore di immagini che i social network diffonderanno capillarmente abbattendo qualsiasi confine. E spesso su Instagram, Snapchat, Facebook si trovano cose talmente interessanti, magari inconsapevoli, da oscurare il lavoro dei professionisti certificati. Immediatezza dunque invece che autorialità? Può davvero essere.

Gli aggeggi da cui siamo diventati inseparabili, veri e propri prolungamenti del nostro corpo, hanno però, paradossalmente, una memoria molto breve. Basta cambiare telefonino o computer e buona parte delle immagini andranno perse. Il rischio è dunque quello di un deserto digitale perché oggi, a differenza che nel passato, nessuno stampa più le foto affidando dunque i propri ricordi al tempo limitato della condivisione. I milioni di immagini, molte delle quali va detto assai poco interessanti perché inerenti alla sfera privata degli individui, andranno inevitabilmente persi e dunque quella che Neri chiama la «Photo Generation» rischia di rimanere senza un proprio archivio mnemonico. Davvero un paradosso.

L'attacco alle Torri Gemelle del 2001, quando ancora gli Smartphone non esistevano, rappresenta l'ultimo storico momento di immagini condivise. Poi anche gli specialisti, i fotoreporter attivi soprattutto nei teatri di guerra, hanno dovuto cambiare radicalmente il modo di procedere dopo essersi resi conto di non essere più gli unici depositari dello scatto realistico che un tempo li distingueva. Persino i più noti specialisti, come Salgado e McCurry, si sono trasformati in autentici brand paragonabili alle griffe della moda. Molto popolari eppure impoveriti nei contenuti, al punto che sono stati sollevati dubbi sul metodo e sulla veridicità delle loro testimonianze.

Oggi una persona capitata per caso in un luogo può immortalare un evento tragico ma anche la bellezza di un tramonto. Con i selfie, un linguaggio inventato proprio con lo smartphone, sono state moltiplicate all'ennesima potenza le immagini disponibili in rete che danno accesso alla vita privata degli altri, tema che sembrerebbe essere di maggior interesse rispetto ad argomenti di pubblico dominio che in altre epoche avrebbero fatto ben più discutere di una foto delle vacanze.

Resta da capire quanto l'estetica e la fotografia contemporanea possano risultare influenzate da questo passaggio epocale che sembra stia decretando la fine prematura di un linguaggio di appena un secolo e mezzo di vita. Non è un caso che i maestri della fotografia vengano oggi considerati quegli artisti attivi ormai da diversi decenni, un po' come accade nella pittura, mentre a partire dagli anni Novanta prima con la diffusione delle macchinette usa e getta poi con la possibilità di modificare le immagini reali attraverso il morphing e la manipolazione per mezzo di programmi al computer che ora appaiono rudimentali, si è diffusa l'idea di uno stile fotografico amatoriale praticato persino dai professionisti.

Ha ragione quindi Michele Neri nell'affermare, con un po' di preoccupazione, che le immagini stanno uccidendo la fotografia. Potrà quest'ultima sopravvivere al diluvio? Sarà possibile riscoprire, magari tra qualche anno, un Mapplethorpe, un Gursky, una Sherman, insomma uno di quegli artisti il cui stile e l'uso della camera hanno segnato indelebilmente un'epoca? Oppure troveremo nel flusso indifferenziato di istantanee, poste tutte sul medesimo piano orizzontale, senza gerarchia alcuna, gli omicidi con gli aperitivi, le tragedie con i viaggi, l'unica possibile risposta, la sola via di salvezza per la fotografia che a quel punto non si chiamerà neanche più così?

Commenti

il_viaggiatore

Sab, 27/08/2016 - 23:39

Mapplethorpe o Kertesz sono stati maestri ma non erano condannati a fare solo cose meravigliose. Anche loro scattavano a valanga e poi lavoravano agli sviluppi. Adesso possiamo farlo tutti. È la tecnica che si evolve. Direi piuttosto che sopravvivrà l'arte ma non l'artista.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 28/08/2016 - 09:22

Non è morta la fotografia, è morto il buon gusto (se mai c'è stato). Il problema affligge anche altre arti, si pensi ai talent-show della musica pop (che nessuno sa più scrivere decentemente poi). Non si possono paragonare dei selfie di deficienti telefono-dipendenti con i lavori dei grandi fotografi. La vita vista attraverso una lente da 4 mm (che da una prospettiva di un 33 mm su una macchina a 35mm full frame) è a dir poco orrendo. Non a caso i selfie ritraggono persone con naso e mento ingranditi rispetto al resto del viso. Ma questo i telefono-dipendenti non lo sanno e continuano a suicidarsi fotograficamente.