Nemesi Nera, il nuovo romanzo noir di Fabrizio Carcano

Nemesi Nera è il nuovo romazo noir di Fabrizio Carcano, che in questo volume ambienta una serie di omicidi misteriosi ed enigmatici nel cuore di Milano, seguendo un filo conduttore fatto di religione, occulto e giustizia

Ci sono romanzi che segnano più di altri, che si leggerebbero tutti d'un fiato se si avesse abbastanza tempo a disposizione. O che si gusterebbero a piccoli sorsi per non perdere nemmeno una parola. Nemesi Nera (Mursia) di Fabrizio Carcano andrebbe letto come si degusta un whisky. Come il distallato si beve lentamente nei momenti di relax, in modo tale che il suo aroma si diffonda e colpisca ogni elemento ricettivo del piacere sensoriale, allo stesso modo vanno assaporate le parole di questo libro.

Seguendo il filo conduttore di tutti i suoi romanzi, Fabrizio Carcano ha ambientato Nemesi Nera nella sua Milano. È un noir di ispirazione biblica quello scritto dal giornalista e giallista 46enne, che ha scelto San Valentino come giorno prediletto per l'esecuzione degli omicidi in una Milano avvolta dal mistero.

Se uno farà una lesione al suo prossimo, si farà a lui come egli ha fatto all’altro: frattura per frattura, occhio per occhio, dente per dente, gli si farà la stessa lesione che egli ha fatto all’altro”, si legge nel Levitico, il terzo libro della Bibbia cristiana. Questo passaggio, presente nel 24esimo capitolo ai versetti 19-20, è l'interpretazione religiosa della legge del taglione ed è il fil rouge degli omicidi macabri e rituali che si susseguono in Nemesi Nera. Sono assassinii misteriosi che vengono rivendicati con messaggi altrettanto enigmatici, lasciati in alcune delle chiese più suggestive di Milano. L'intera struttura narrativa di Nemesi nera è ambientata nel cuore di Milano, nelle tante chiese attorno al Duomo che, nella tradizione popolare, sono spesso al centro di racconti oscuri.

Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Passione e San Gottardo in Corte sono lo scenario nel quale Fabrizio Carcano fa muovere i suoi personaggi. Sono chiese storicamente importanti per il culto dei milanesi, che in Nemesi nera diventano il fulcro di un enigma apparentemente inspiegabile. A indagare sugli omicidi è il commissario Bruno Ardigò, punto fermo dei libri di Carcano. È un misantropo dalla personalità complicata, sempre pronto a intervenire in casi complicati e legati al mondo esoterico e religioso. Nemesi Nera è un romanzo dove religione, occulto, legge e giustizia scorrono paralleli, separati da un confine invisibile e labile che sembra poter essere superato in qualunque momento durante la lettura.

“Ancora una volta racconto il centro di Milano, le sue bellezze e i suoi misteri, accompagnando i lettori nelle chiese intorno al Duomo e in alcuni angoli meno conosciuti della città, sulle tracce di un assassino atipico, che rivela con i propri omicidi la sua missione sanguinaria richiamandosi alla legge arcaica, che sostituisce alla giustizia la vendetta, identificata nella dea pagana della Nemesi”, ha detto Fabrizio Carcano, il cui primo romanzo Gli Angeli di Lucifero (Mursia), edito nel 2011, è stato il libro più scaricato del 2017 dai lettori delle metropolitane nell'ambito di “Milano da leggere”. Sono stati ben 17.000 i download in 80 giorni, per lo scrittore, riconosciuto come il Dan Brown milanese.

Nemesi Nera, 308 pagine (euro 17,00) è l'undicesimo libro edito per la casa editrice Mursia. Fabrizio Carcano nelle prossime settimane sarà impegnato nella presentazione in numerose librerie della città meneghina, prima di affrontare il tour in altre città italiane in primavera.