Pomeriggio 5, Raffaello Tonon contro Francesca Cipriani: "Questa è la fiera delle banalità"

In qualità di inviata per Pomeriggio 5, Francesca Cipriani è diventata protagonista di un reportage sul caso che vede una preside contestare gli outfit osé sfoggiati da mamme di studenti

Pochi giorni fa è partita la nuova stagione di Pomeriggio 5, il talk-show condotto da Barbara d'Urso, che ha visto nella nuova puntata Francesca Cipriani diventare ancora una volta "oggetto di discussione". Nello specifico, nel nuovo appuntamento tv, è stato affrontato in studio il caso che vede Eugenia Rigano scagliarsi contro alcuni genitori dell'istituto Comprensivo Tullia Zevi di Casal Palocco (Roma), accusando questi ultimi di particolari "manie di protagonismo". In pratica, l'ormai ex preside dell'istituto - in una lettera di commiato- ha parlato di bullismo in senso lato, attaccando in particolar modo le mamme sempre pronte ad abbigliarsi con outfit succinti, calze a rete e mini-gonne con tanto di gambe in bella vista, che poi, spesso, sono le stesse a contestare i casi di violenza subiti dai propri figli-studenti. E Francesca Cipriani -nelle vesti d'inviata per Pomeriggio 5- ha posto delle domande ad alcuni passanti, chiedendo loro di bocciare o promuovere 'il diritto' a vestirsi come si vuole.

L'affondo di Raffello Tonon a Pomeriggio 5

La padrona di casa d'Urso è rimasta sbigottita all'ascolto di diverse esternazioni della Cipriani e di alcuni intervistati, registratesi sul caso in questione e lanciate al grido di "W la libertà... W le femmine". "Se andassi così, con quelle tet**e di fuori a scuola, c'avrebbe ragione la preside!", ha esclamato infatti la d'Urso, parlando dallo studio all'inviata Cipriani in collegamento. E, in risposta ai discutibili messaggi lanciati dal reportage dell'ex naufraga Cipriani, è giunta anche l'opinione di Raffaello Tonon, che in studio ha criticato aspramente quanto poco prima ascoltato nel corso dell'rvm andato in onda: "Ma che masse di banalità vai dicendo? Questa è la fiera delle banalità, stai portando delle notizie sbagliate, trovo questa protesta insensata".