Il principe George: lezioni di danza per il reale inglese

Non solo storia e geografia tra le materie che studierà il Prince George, anche danza classica e canto

Si avvicina il primo giorno di scuola per il Principe George, sono terminate le vacanza anche per l’amatissimo reale inglese, primogenito di William e Kate. È il sito di Harper’s Bazar che alza il velo sull’istruzione del piccolo principe e, tra rette esorbitanti, si scopre che Harry si approccerà a materie piuttosto usuali.

La scuola prescelta è la St. Thomas’s Battersea, rinomata scuola primaria dal costo di 22mila sterline l’anno, più o meno 22mila euro, qui il Principe George è stato iscritto per intraprendere il primo anno di scuola elementare. Tra le materie previste nel corso di studio ci saranno storia e geografia, a cui si affiancheranno discipline artistiche e sportive come il nuoto, il teatro e persino la danza classica. Insolito per un reale inglese, ma a quanto pare, l’istituto è celeberrimo proprio per indirizzare gli allievi sia verso gli studi umanistici che verso quelli agonistici. Il principe George potrà frequentare una lezione di ballo a settimana che verrà accompagnata da un pianista che seguirà il reale e i bambini, nei movimenti base della disciplina.

Secondo il preside della scuola, immettere tra le materie anche una classa di danza, aiuta a “sviluppare le capacità fisiche, la resistenza e la stessa creatività degli studenti, ma anche l’espressività e la musicalità”, come viene riportato sul sito della scuola. Inoltre c’è la possibilità per il piccolo Harry, di imparare a suonare anche uno strumento musicale e unirsi persino al corso della scuola, sviluppando così le sue doti artistiche. Sicuramente è un modo per tenere a bada la sua esuberanza dato che, tra i tre figli nati dal matrimonio di William e Kate, il primogenito sembra proprio quello più vispo, rispetto al carattere pacato della sorellina.

Commenti
Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 30/08/2018 - 09:52

Avete fatto na caciara

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 31/08/2018 - 15:46

Vogliono farne un emulo di Bolle o un nuovo Nureyev. E per adeguarsi alle teorie gender che non fanno differenze fra maschietti e femminucce, forse vedremo il principino ballare in tutù rosa ed esibirsi in movenze aggraziate e leziosità, come una qualunque femminuccia. Ottimo testimonial delle teorie gender. E' questo il significato di questa notizia?

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 31/08/2018 - 15:47

2- “Sviluppare le capacità fisiche, la resistenza e la stessa creatività degli studenti, ma anche l’espressività e la musicalità”? Balle. Ci sono mille attività sportive per sviluppare le capacità fisiche e la resistenza. Come ci sono mille modi per studiare musica, imparare a suonare uno strumento e sviluppare l’espressività; senza bisogna di fare danza classica. E’ un modo per pubblicizzare la danza classica anche fra i bambini, in perfetto stile cultura gender. Se così non fosse perché, fra le varie materie di studio, si mette in risalto proprio la danza? Ma non vi rendete conto di quanto sia subdola e invasiva la cultura gender della lobby Lgbt? E voi, forse inconsapevolmente, gli date anche spazio. Sveglia gente.

ziobeppe1951

Sab, 01/09/2018 - 13:26

Giano...assolutamente d’accordo!