"Pulmanista" guida le parole nuove

Ecco i lemmi che (purtroppo) troveremo nei dizionari l'anno prossimo

Alla fine le possibilità sono solo due: o una lingua incorpora parole nuove o, alla fine, muore. L'incorporazione può avvenire dal basso - chiunque abbia dimestichezza col web ormai sa cosa vuol dire essere linkato a un contenuto - oppure può avvenire quando un linguista o uno scrittore ci mette del suo. Lo fece d'Annunzio con motoscafo. Ora a partire da «petaloso» sono i bambini a proporre direttamente alla Crusca lemmi nuovi. Quest'anno la parola che una classe delle elementari ha sottoposto al vaglio della massima autorità sulla lingua italiana è «pulmanista». A scrivere all'Accademia, è stata una quinta elementare di Bisignano, in provincia di Cosenza. I bambini hanno spiegato che sono soliti definire «pulmanista» l'autista dello scuolabus. La loro maestra li corregge, ma loro vorrebbero che il termine entrasse nei vocabolari, perché designa un autista diverso dagli altri. Ce la faranno? La redazione della Crusca ha risposto riconoscendo che la parola è ben formata e che potrebbe imporsi. Per i vocabolari che usciranno a breve abbiamo però già qualche certezza. Si leggerà «legnameria» per indicare il luogo in cui si conserva e si acquista la legna; e se una persona non risponderà più alle nostre chiamate o mail sarà linguisticamente corretto classificarla come protagonista di un caso di «ghosting».

Sono queste le principali parole entrate nell'uso comune della lingua, come ha scritto ieri a Libreriamo (www.libreriamo.it) il professore Paolo D'Achille, ordinario di linguistica all'Università Roma Tre, socio dell'Accademia della Crusca, direttore del periodico La Crusca per voi e responsabile del servizio di consulenza dell'istituzione fiorentina. Si allargherà anche il significato di «abbattere» quando riferito a cibi, «abbatti il trancio di salmone», va inteso come surgelare il pesce per eliminare batteri.

Resteranno nell'uso davvero? Ce lo dirà solo il tempo. Confidiamo su «legnameria» che ha una robusta storia dialettale e gode di immediata comprensibilità. Più che un neologismo è una ufficializzazione. Contiamo che in una rapida morte per «ghosting», perché rendersi fantasmatici alla propria fidanzata suona meglio. Quanto a «pulmanista»... auguriamo ai bambini un petaloso successo. Non ce ne voglia la maestra.

Commenti
Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Dom, 17/06/2018 - 12:48

Petaloso??? Pulmanista??? Ma che scemenze sono queste? Adesso uno si inventa una parola demenziale e la facciamo entrare nei vocabolari? Ma siano impazziti? Poi capisco che si prenda in esame la proposta di un grande letterato, ma quelle dei bambini che devono ancora imparare a parlare in italiano no! Assolutamente no!!! Per cortesia smettiamola con le scemenze!