"Rocco ce l'ha più lungo di Gerry". Imbarazzo in studio per Scotti

Nel corso dell'ultima puntata di Chi vuol essere milionario, Gerry Scotti e il concorrente si sono trovati davanti a una domanda particolare

Chi vuole essere milionario è tornato in tv e Gerry Scotti è più carico che mai. Il "padre" di tutti i quiz è ormai 18 anni (con qualche pausa annessa) che appassiona i telespettatori. L'atmosfera, le domande, gli aiuti, il confronto, tutto questo contribuisce da sempre ad attaccare allo schermo gli italiani. Ma nel corso dell'ultima puntata, tra vecchi e nuovi campioni, una domanda ha fatto particolarmente "divertire". Non tanto il concorrente in studio, quanto la rete.

Davanti agli occhi del campione e di Gerry Scotti, infatti, è comparso un quesito che, ad una prima lettura, può far sorridere, in realtà è del tutto "normale". O meglio, in linea col programma dei quiz. "Il marito lo dava alla moglie, il Papa ce l'ha ma non lo usa, alle suore non serve e Rocco che l'ha più lungo di Gerry", recita "l'indovinello". Il conduttore, per togliere un po' di (comprensibile) imbarazzo ci ha scherzato su, ovviamente.

Noi non ci intrufoliamo nei pensieri del lettore - anche se abbiamo dovuto farlo per farci un'idea dei commenti sul web - ma la risposta è fra "il conto in banca", "il numero di telefono", "il cognome" e "il naso". Dopo aver sorriso, vi diamo la risposta: il cognome.

Commenti
Ritratto di Eurialo38

Eurialo38

Mer, 19/12/2018 - 08:25

E' di una volgarità che ammazza ogni commento... spegnete la tv per sempre se non lo avete già fatto. Aggiungo: ai giornalisti, evitate di riproporre queste bassezze anche sulla stampa, non se lo merita proprio, Grazie

ginobernard

Mer, 19/12/2018 - 08:38

sono rimasto sconvolto più che dalle performance di Rocco dalle cifre che si trovano in rete sul suo patrimonio. E poi mi viene in mente quei mariti separati che non hanno più soldi e devono chiedere ospitalità alla caritas ... pazzesco no ?

Ritratto di lurabo

lurabo

Mer, 19/12/2018 - 09:19

leggo due commenti, uno più patetico dell'altro