Christian De Sica: "Mio zio uccise Trotsky"

Non solo il papà regista: dalla madre alla lite con Massimo Boldi, la vita da film dell'attore

Christian De Sica, figlio di Vittorio e dell'attrice Maria Mercader, si racconta in un'intervista al Corriere della Sera: dalla madre, allo zio che uccise Trotsky, fino alla lite con Massimo Boldi. E al suo sogno: realizzare un film sui suoi genitori.

Ramon Mercader, il figlio di una cubana comunista diventato in seguito agente segreto russo, è l'uomo che ha ucciso Trotsky ed "era mio parente" rivela De Sica. "Era zio di mia madre - specifica l'attore -, non proprio il tipo che inviti al pranzo di Natale. Era un aristocratico che ad un certo punto è diventato comunista. Poi l'hanno mandato in Messico ad ammazzare Trotsky. Ci hanno fatto anche un film: con Richard Burton che faceva Trotsky e Alain Delon nella parte di mio zio". Poi l'attore rivela come la madre, Maria Mercader, ci scherzasse sopra: "Non mi contraddite perché c'ho uno zio assassino".

Poi racconta che Maria Mercader era "una donna d’altri tempi, molto simpatica e spiritosa, completamente incosciente. Era molto bella, elegante. Poi mio padre l’ha chiusa in casa e lei ha vissuto tutta la vita innamorata di lui, tra il parrucchiere, le partite a carte coi miei zii e noi figli. È stata un po' vittima". "In parte è stata lei a spingere mio padre a diventare regista - aggiunge l'attore -, anche per allontanarlo dal teatro e dalla prima moglie". De Sica, poi, afferma di avere un sogno nel cassetto: "Realizzare un film sulla storia d’amore tra mio padre e mia madre, nata nel ‘44 sul set di La porta del cielo". "Sono vent’anni che lo voglio fare, ma non ci sono soldi - rivela, anche se ammette che forse non avrebbe credibilità -. E poi io ho fatto troppi cinepanettoni per interpretare un ruolo drammatico, che farei meglio di tanti che fanno film drammatici".

Per concludere De Sica è tornato a parlare del litigio che in passato ha avuto con massimo Boldi, non rifiutando l'ipotesi di un ritorno insieme: "Lui voleva passare con Medusa, ma l'ho perdonato. Un film assieme lo farei se ci fosse una bella idea. Il problema è che siamo vecchi, rischiamo di sembrare due scemi".

Commenti

obiettore

Ven, 03/10/2014 - 19:04

..." Era un aristocratico che ad un certo punto è diventato comunista"...Niente di nuovo sotto il sole !

ammazzalupi

Ven, 03/10/2014 - 22:34

Una medaglia d'oro a tuo zio. A te una di cartone.

btg.barbarigo

Dom, 17/07/2016 - 23:02

francamente la darei di cartone a tutti e due