La solitudine di Justin Bieber: "Il mio telefono non squilla mai"

Tanto, tantissimo successo, ma pochi amici: la confessione della baby-pop star che si racconta in un'intervista

È l'idolo degli adolescenti, vanta quasi 37 milioni di followers su Twitter, eppure il cantante Justin Bieber è solo, al punto tale che il suo telefono "non suona mai", parole sue. 
È il prezzo della fama, della cautela e forse anche della paura a lasciarsi avvicinare da estranei. Lo ha spiegato lui stesso, in un’intervista che sarà pubblicata sul numero di maggio di Teen Vogue. "Davvero, il mio telefono non squilla mai", ha raccontato. "Sono quattro le persone con le quali sono in contatto, non ho bisogno di una sequela di amici che mi rendano felice". La star 19enne si appoggia certamente sul calore, soprattutto femminile, dei fan, ma fa conto soprattutto sui genitori e sul miglior amico, il rapper Lil’Twist, che - secondo qualcuno - ha però una pessima influenza su di lui, ma ha seguito i suoi primi passi nel mondo successo. "Quando firmai il primo contratto mi trasferii ad Atlanta e incontrai Twist: la cosa divertente, era che non ero nessuno quando cominciammo a frequentarci. Twist mi conosce per quello che sono". Sono così forse spiegate le ultime bravate del giovane (e solitario) cantante.