Tiziano Ferro: ambasciatore per Save the Children

L'artista italiano ha accettato l'invito della onlus a diventare rappresentante delle iniziative a favore dell'infanzia nel mondo. Tiziano Ferro non è nuovo a questo genere di progetti e si prodiga con passione anche per via del grande desiderio di paternità che lo pervade negli ultimi anni

“È con grande onore e gioia che inizio questo viaggio con Save the Children Italia, che già da qualche anno seguo con interesse e stima. Mi auguro nascano tante idee e si possa fare del gran bene a chi ne ha bisogno. I bambini prima di tutto!”: dalla pagina del suo profilo Facebook Tiziano ferro annuncia di essere diventato ambasciatore della onlus fondata in Inghilterra nel 1919 che si occupa di proteggere i bambini e tutelare i diritti dell’infanzia nel mondo.

“Tiziano Ferro è un artista molto amato dal suo pubblico e siamo particolarmente felici che oggi abbia scelto di unirsi a Save the Children ed essere al nostro fianco per combattere per i bambini di tutto il mondo, sempre e comunque. La sua voce risuonerà forte per fare sentire quella, troppe volte inascoltata, dei bambini più poveri ed emarginati,” ha commentato Valerio Neri, Direttore Generale dell’associazione. I fan del cantante sono entusiasti della notizia e i messaggi di approvazione e stima si moltiplicano di ora in ora. La prima iniziativa presa dall’artista è stata di mettere all’asta 40 capi di abbigliamento indossati nell’ultimo tour tramite CharityStars, organizzazione concepita e nata per raccogliere fondi in maniera innovativa, specializzata nelle aste on line di oggetti esclusivi ed esperienze con personaggi famosi e grandi aziende per supportare le realtà del non profit; appoggiata da partner prestigiosi, attualmente sostiene 250 associazioni nel mondo e ha raccolto oltre tre milioni di euro.

“Questo guardaroba racconta un pezzo importante della mia storia. Mi piace l'idea che ogni bella storia possa generarne un'altra, ancora più bella. Mi auguro accada, - ha affermato l'artista - perché questi bambini hanno davvero tanto bisogno di noi”. I proventi raccolti tramite la vendita dei capi sosterranno i progetti per contrastare la crisi alimentare in Etiopia. Non è la prima volta che Tiziano Ferro collabora con associazioni benefiche: per Terre des Hommes e la sua campagna Indifesa partecipò mettendo all’asta una felpa autografata sempre in favore dei bambini, questa volta vittime di sfruttamento e violenza. L’indiscussa generosità del cantante di Latina si focalizza su associazioni che si occupano dell’infanzia in particolare, probabilmente per il desiderio di paternità che ha sviluppato negli ultimi anni. Il 21 febbraio infatti ha festeggiato 36 anni ed è entro i quattro successivi che l’artista si è messo come termine ultimo il raggiungimento di questo obiettivo che per ora non comprende il matrimonio.

“I miei amici hanno messo su casa, si stanno sposando, stanno facendo figli... Il mio sogno sarebbe avere una persona accanto e prendere questa decisione in due... Ma mi sono ripromesso che se entro i 40 anni questa persona non la trovo, decido io. A quaranta, faccio un figlio: è questa l’ultima cosa importante che ho scritto nei miei diari. Ho paura - ha ammesso Tiziano durante una recente intervista rilasciata a Vanity Fair - che se aspetto troppo non me lo godo più io, e nemmeno i miei genitori… O trovo un’amica consenziente che anche lei desidera un figlio, oppure seguo l’esempio di amici e colleghi e vado all’estero, in America”.