Tv, Anna Safroncik lascia "Le tre rose di Eva" e scoppia la polemica

È accaduto nella decima puntata dell fiction in cui il pubblico ha assistito alla morte della protagonista Aurora, interpretata dall'attrice

"Cari amici, qui finisce la mia avventura nei panni di Aurora. Sono state 3 stagioni meravigliose e voglio ringraziare tutti Voi per gioia che mi avete dato in questi tre anni. Il vostro affetto mi ha fatto essere ancora più grata di avere l'opportunità di fare questo lavoro, che amo e con quale cerco, attraverso i miei personaggi, di portare spensieratezza insieme a coraggio e forza d'animo alle donne che si rivedono in me." Un saluto che sembra un addio. Infatti, nella decima puntata della seguitissima fiction Le tre rose di Eva 3, il pubblico ha assistito alla morte della protagonista Aurora, interpretata da Anna Safroncik che in un post su Facebook spiega la sua decisione di abbandonare quel ruolo.

E dal web arriva una pioggi di critiche dei fan che non hanno preso bene l'inaspettata decisione. Stupisce la decisione di eliminare la protagonista della serie tv, sebbene non si capisca se la decisione sia stata presa dalla stessa Safroncik o dagli autori della fiction. Stando a quello che scrive su Twitter, anche Massimo Del Frate, direttore del Dipartimento fiction in Endemol, sembra non essere d'accordo con la decisione della Safroncik: "#letrerosedieva3 Grazie Aurora! Ma è incomprensibile la scelta di chi ha voluto tradire milioni di telespettatori".

Che ci siano stati degli scontri tra la bella attrice e la produzione?

Commenti

CarloDei

Lun, 25/05/2015 - 08:09

Io non seguo la fiction ma se lei è morta e hanno fatto vedere il cadavere vuol dire che era d'accordo con la produzione se invece arriva una telefonata e un protagonista dice che lei è morta vuol dire che lei se n'è andata sbattendo la porta facile no? Una volta avevo un amico attore rompiballe la produzione non sapeva come fare per liberarsi di lui così nella fiction lo hanno fatto partecipare a un rapimento e poi lo hanno fatto arrestare assicurandogli che lo avrebbero liberato subito invece è ancora lì che marcisce in un carcere di Cinecittà ah ah ah Ci è rimasto malissimo.