Tv, niente ferie per Massimo Giletti: "A luglio due seconde serate per parlare dell'Italia"

Il conduttore di Raiuno non si ferma: a luglio due speciali in seconda serata sul passato dell'Italia. Che si sia stufato della sua Arena?

Massimo Giletti inarrestabile. Dopo il successo, ormai confermato, dell'Arena nel pomeriggio domenicale, è deciso a buttarsi in un'altra avventura professionale come confessa in un'intervista ad Avvenire: "Si tratterà di due seconde serate molto importanti. Che spero abbiano un seguito. L'oggetto sono alcuni grandi episodi avvenuti in Italia nel passato, che vengono analizzati e studiati con i protagonisti di allora. Il pubblico ha bisogno di serate evento, che però aiutino a capire di più".

Che l'appuntamento col suo show non gli basti più? Il conduttore chiarisce: "Alla Rai non ho mai chiesto niente, è lei che deve decidere. Credo, però, che potrei fare qualcosa di buono col mio gruppo di lavoro, piccolo ma di qualità. Noi costiamo pochissimo e siamo un prodotto interno Rai. Il 15 ottobre festeggio 25 anni di carriera, sono un figlio della Rai. Credo che occorra puntare sugli autori giovani, avvicinarsi alle giovani generazioni che non guardano la tv con progetti forti. Io sono abituato a sperimentare, ma per farlo ci vuole coraggio".