"Twin Peaks" rimette in moto i misteri

Laura Palmer mantiene la promessa... Via al casting della nuova edizione diretta da David Lynch. Quella vecchia si chiuse con un "arrivederci tra 25 anni"

«Chi ha ucciso Laura Palmer?» è stato il vero primo tele-tormentone pubblicitario creato da Canale 5, proprio in questi giorni di 23 anni fa, per conquistare ampie fette di pubblico per la serie tv che rivoluzionò un epoca e anticipò i vari X-Files e Lost. Parliamo di I segreti di Twin Peaks ideato da David Lynch insieme a Mark Frost con le riconoscibili e fondamentali musiche di Angelo Badalamenti che (ri)creavano l'atmosfera d'una certa sonnacchiosa provincia americana dove niente era come sembrava. Due stagioni che hanno segnato un'epoca e più di una generazione di spettatori con una riuscitissima miscela di generi non priva - e oggi sarebbe abbastanza inimmaginabile in tv - della libera follia visionaria del genio di Lynch.

Sarà anche per questo che sono anni che i fan della serie annunciano a ogni piè sospinto la realizzazione di una terza serie. In queste ore qualche flebile speranza in più è data dalla notizia che David Lynch girerà domani del materiale relativo a Twin Peaks. L'annuncio è arrivato da un'accreditata società di casting sulla pagina ufficiale Facebook in cui la Sande Alessi Casting si dice in cerca di un'attrice per interpretare una cameriera bianca tra i 18 e i 27 anni, con i capelli bruni o rossi. In molti vi hanno letto i connotati del personaggio di Shelly Johnson interpretato nella serie da Mädchen Amick. Probabilmente David Lynch, che è sempre rimasto scottato dalla decisione del canale Abc - visti gli ascolti non più mirabolanti - di non rinnovare per la terza stagione Twin Peaks, sta lavorando a un promo per l'uscita in primavera della serie completa in Blu-ray, con il prequel cinematografico Fuoco cammina con me del 1992 e diverse scene eliminate (si parla di più di 45 minuti di girato).

Magari è un primo passo verso un nuovo progetto televisivo di Lynch che potrebbe ancora una volta rivoluzionare il piccolo schermo in coincidenza anche della scadenza del «ci vedremo tra 25 anni» detto dalla liceale diciassettenne Laura Palmer, interpretata da Sheryl Lee, in un momento onirico a Dale Cooper alias l'attore Kyle MacLachlan. L'agente dell'Fbi apparentemente più interessato al caffè e alle torte alla ciliegia che all'assassino della ragazza. Uno dei tanti colpi di genio di David Lynch. Perché alla fine chi si ricorda di chi ha ucciso Laura Palmer?