Vissani difende D'Alema: "I suoi sono grandi vini"

Lo chef: "La prima bottiglia l’ho assaggiata io"

A difendere Massimo D’Alema scende in campo uno degli chef più famosi d’Italia, Gianfranco Vissani, amico personale dell’ex premier. Ospite de La Zanzara su Radio 24, Vissani elogia il vino prodotto da D’Alema: "La prima bottiglia l’ho assaggiata io. Non dovrei dirlo, ma i suoi vini sono molto buoni, sono dei grandi vini. A livello dei migliori Bordeaux, visto che qualcuno ha detto che non valgono nulla a confronto di quelli francesi". Lo chef poi aggiunge: "Specialmente il Narnot, un vino che ha classe, raffinatezza, eleganza. Lo ha fatto uno dei più grandi enologi italiani".

E alla domanda se non trovi anche lui arrogante D’Alema, Vissani risponde? "Ma no, se uno lo conosce è l’uomo più semplice di questo mondo. Arrogante è il suo modo. Anch’io mando affanculo tutti, per forza, perché so fare il mio mestiere. Anche Gianni Rivera quando giocava a pallone nessuno lo poteva vedere, era duro e severo. Solo i numeri uno fanno così, quelli che sanno il fatto loro". Infine lo chef risponde a Vincenzo De Luca, candidato Pd in Campania che aveva detto che i vini di D’Alema sono una zozzeria: "De Luca a Salerno mangia la mozzarella, non beve vino. Non deve dire queste cose".