The Voice of Italy: dopo i conosciuti arrivano i "conoscenti" dei giudici

L'ombra delle "raccomandazioni" si abbatte sul talent canoro di Raidue. E dopo la performance di Sarah Jane, Dagospia svela un altro retroscena su un concorrente

L'ombra delle "raccomandazioni" si abbatte sul talent canoro di Raidue The Voice. Ed evidentemente qualcuno, oltre i concorrenti, se l'è cantata. La performance di Sarah Jane, ex concorrente di Amici e corista ufficiale di Supermax il programma di Radio Due che Max Giusti, aveva già fatto guadagnare al programma una "bacchettata". La meraviglia sul volto di J-Ax in diretta non aveva lasciato dubbi: "Ma noi due abbiamo duettato qualche giorno fa" ha detto il rapper, ricevendo la conferma della cantante. "Lei è la corista del programma di Max Giusti" ha continuato J-Ax. E la stessa Noemi ha rincarato la dose: "Sarah Jane è stata anche una mia corista".

Insomma, la città è piccola e tutti si conoscono? Pare di sì. Infatti, tra i concorrenti di The Voice di quest’anno c’è Alberto Slitti, cognato dell’attaccante del Milan, Giampaolo Pazzini. E fin qui, nulla di male. Alberto, rapper di talento, ha preferito come coach Francesco Facchinetti anziché J-Ax. Una scelta determinata da “una sensazione”, sembrerebbe. A svelare il retroscena, però, ci pensa Dagospia: Facchinetti avrebbe condotto diversi eventi benefici organizzati dalla sorella di Alberto, Silvia Slitti. Che i due si conoscessero prima della partecipazione di Slitti a The Voice? E se si, perché non dichiararlo? Nessuna norma del regolamento prevede "più trasparenza"? Qui l'unica parentela certa resta quella tra Facchinetti e il padre Roby.

Per tutto il resto, la città è piccola e la gente mormora.