Arriva Thohir e l'Inter pensa al Catania

Thohir torna in Italia e l'unica cosa certa è che qualcuno all'interno della società che ha appena acquistato ne capisce meno di lui

Basterebbe inserire nello statuto della società che certe trattative con certi club sono vietate. Si eviterebbe la perdita di un mucchio di tempo, viaggi, carta, firme, arrabbiature, ritorni, polemiche, conferenze stampa, repliche, sms. Uno lo sa prima e se viene, per esempio la Juventus, e gli chiede di andare a giocare da lei, lui risponde che nello statuto c'è scritto che non si può. Vale per tutte, Juventus, Milan, anche per la Cremonese con quelli del Piacenza, e viceversa.

Comunque in mattinata arriva a Milano il presidente dell'Inter Erick Thohir. Nel tardo pomeriggio di oggi non è ancora certa l'ora, si presume compatibile con l'inizio di Inter-Catania. E neppure sono certi i giorni che trascorrerà in città e le ore che passerà negli uffici di Corso Emanuele per sistemare tutte le cose che deve sistemare, marketing e si presume anche mercato. Thohir torna in Italia e l'unica cosa certa è che qualcuno all'interno della società che ha appena acquistato ne capisce meno di lui.
Il personaggio misterioso, ma neppure tanto, è quello a cui è venuto in mente di barattare uno dei pochi giocatori talentuosi della sua squadra con una riserva della Juventus. Con tutto il rispetto per Mirko Vucinic, ma questa è la realtà delle cose da quando Conte ha scelto Llorente e Tevez e messo dietro tutti gli altri.

Thohir lo sa, qui c'è qualcuno che vanta medaglie ma ne capisce poco, come lui. Ora peraltro pare che ci sia una pista che potrebbe portare ugualmente Vucinic in nerazzurro, ma è ridotta all'osso, perchè alla Juventus non hanno nessuno intenzione di ritrovarsi i tifosi sotto casa. E poi il montenegrino ha mercato, la cifra richiesta, 2 o 3 milioni per l'affitto e poi a giugno il riscatto fissato a sette, otto, sembra molto appetibile. Il particolare che Vucinic abbia espresso il desiderio di restare in Italia fa pensare che ci sia una sola altra società che potrebbe ospitarlo, il Milan. E non ne saremmo sorpresi, il 4-2-3-1 sembra disegnato apposta per lui.

Comunque sta arrivando Thohir e in conferenza stampa Mazzarri commenta: «Dobbiamo pensare solo al campo, ci vogliono attenzione e concentrazione. I ragazzi sono i primi ad avere una gran voglia di riscatto. Spero che la curva e i tifosi li aiutino, ne hanno bisogno, se sentono il calore possono anche dare il cento per cento». Scusi ma per tirare su il morale non basta Thohir ? È il presidente e sta per atterrare...«Farà bene a tutti, ai ragazzi all'ambiente, in quanto a me sono abituato a lavorare con il mio staff, e se anche la proprietà non è qui, vi assicuro che Thohir sa sempre tutto, ma proprio tutto di quello che accade».
Quindi sa anche chi lavora all'Inter ma non ne conosce la storia. Più che furbo, ignorante.