Aru si prende la Vuelta: ​in rosso alle porte di Madrid

Lo scalatore sardo della Astana strappa la maglia rossa all’olandese Dumoulin. E ipoteca il trionfo alla Vuelta

Impresa di Fabio Aru. Nella penultima tappa della Vuelta, lo scalatore sardo è riuscito a sfilare di dosso la maglia rossa di leader della generale all’olandese Tom Dumoulin infliggendogli un distacco abissale sul traguardo della San Lorenzo de El Escorial-Cercedilla. Domani la ventunesima e ultima tappa-passerella, arriverà in trionfo a Madrid dove concluderà la corsa a tappe spagnola. "Questa vittoria è dei miei compagni di squadra - esulta Aru - non solo oggi ma per tutta la Vuelta sono stati eccezionali".

Aru festeggia e con lui tutta la Sardegna, come da tempo non accadeva per un’impresa sportiva. Oggi il corridore dell’Astana, supportato da una squadra impeccabile e strategicamente efficace, è stato semplicemente formidabile, attaccando nella penultima tappa con arrivo a Cercedilla, non lontano dalla capitale spagnola, dove si è presentato per primo sul traguardo Ruben Plaza della Lampre-Merida, eroe di giornata con una fuga di circa 115 chilometri. Una frazione, quella odierna, che rappresentava l’ultima occasione per Aru di riprendersi la maglia rossa: il sardo era stato costretto a cederla al catalano Rodriguez che, nella crono di tre giorni fa, era stato sua volta spodestato. Aru, quel giorno, aveva limitato il distacco da uno scatenato Dumoulin, piazzandosi a soli 3" nella classifica generale e meditando l’impresa nelle restanti salite. Ieri l’olandese terribile è scattato nella salita verso Avila, fecendo temere una condizione di forma talmente buona da poter resistere sui quattro Gpm di prima categoria programmati per oggi. Aru aveva stretto i denti, ma visto crescere il proprio ritardo da 3" a 6". Poco male. Perché oggi, a una cinquantina di chilometri dall’arrivo, è partito l’assalto alla maglia rossa: gli uomini dell’Astana hanno cominciato ad aumentare l’intensità delle pedalate, creando lo scompiglio nel gruppetto che comprendeva Dumoulin che, sulla salita della Morcuera, ha cominciato a staccarsi e non è più tornato a vedere Aru, se non da lontano. L’olandese ha cercato di rimanere in piedi e di conservare la necessaria lucidità, limitando il ritardo a una quindicina di secondi. Sulla successiva salita, però, Landa ha intensificato il ritmo del gruppetto di Aru, che comprendeva anche altri due gialloturchersi come Luis Leon Sanchez e Zeits, ed è stato a quel punto che la maglia rossa in carica è andato alla deriva, entrando in crisi e sprofodando nel baratro. Solo, senza squadra, di fronte a un colosso come l’Astana, il povero olandese ha visto aumentare il divario da Aru chilometro dopo chilometro. Alla fine ha perso anche il podio, a beneficio di Rodriguez e Majka, con quest’ultimo che - grazie a un’azione in tandem con Quintana - ha rischiato di prendersi addirittura la piazza d’onore.

Domani, in piazza Cibeles, a Madrid, è difficile prevedere sorprese, dopo una tappa lunga meno di 100 chilometri e senza alcuna difficoltà altimetrica. Una passerella, insomma, al termine della quale Aru è destinato a conservare un vantaggio di 1'17" su Rodriguez e 1'29" su Majka. Dopo il doppio podio al Giro d’Italia (terzo nel 2014 e secondo quest’anno, alle spalle di Contador), Aru, a poco più di 25 anni, può entrare a pieno titolo nella leggenda del ciclismo italiano, piazzandosi accanto a Cunego e Saronni, giovani come lui vincitori di una grande Giro. Se la gode pure l’Astana che ha vinto con Nibali il Giro 2013, il Tour 2014 e adesso si trova a 99 chilometri dal trionfo nella Vuelta, divenuto una pura formalità.

Commenti

Marino52

Sab, 12/09/2015 - 18:24

Grande Fabio

obiettore

Sab, 12/09/2015 - 18:29

Pinocchietto, adesso vola a Madrid, se sei un uomo ! Oltretutto, maglia ROSSA !

jeanlage

Sab, 12/09/2015 - 18:29

Povero Renzi. Dopo New York per il torneo di tennis, dovrà correre (a spese nostre) a Madrid. Peggio che mai, Sembra che un Italiano possa arrivare in finale ad un torneo di Zibidì-Zibidè-in-buca-c'è a Melbourne. Potrà il Presidente del Coniglio delle Minestre mancare?

Ritratto di scandalo

scandalo

Sab, 12/09/2015 - 18:31

ARU ha praticamente vinto la VUELTA , domani l'inconorazione a madrid con la consegna della maglia ROSSA !! renzi da buon comunista ROSSO ha deciso che al ritorno da new york si fermerà a madrid per consegarliela lui stesso !!

Frusta1

Sab, 12/09/2015 - 18:49

Congratulazioni Aru e alle due tenniste italiane!!!! Siete dei miti. L'unico cruccio e' che adesso renzie , oltre a NY , c'è lo troviamo pure a Madrid a prendersi lui i meriti del ciclista.

Gianca59

Sab, 12/09/2015 - 19:00

Grandissimo Aru. Squalificato Nibali un altro Italiano ha piazzato l' assalto vincente !!!!

Palladino

Sab, 12/09/2015 - 19:23

Italiane,Italiani smettetela di trionfare nello sport altrimenti il bulletto toscano ci dissangua con i suoi viaggi. Comunque,bravissimo Aru.

tRHC

Sab, 12/09/2015 - 20:14

Aru TROPPU TOGU "Troppo forte"Renzi non ti permettere ad avvicinarti a chi lavora davvero!!!!!CHIACCHERONE!!!!!!

VittorioMar

Sab, 12/09/2015 - 21:18

..solo lo sport "Povero"ci da qualche soddisfazione..

giseppe48

Sab, 12/09/2015 - 22:41

speriamo che pinpinello domani sia madrid .farebbe più bella figura

freud1970

Dom, 13/09/2015 - 02:02

ARU, non partire che forse arriva renzi a festeggiarti, purtroppo ancora con il vecchio a319 airbus, ma da ottobre avra' un aereo ancora piu' grande a 330 airbus, e non si dovra' fermare ogni 5 ore a fare rifornimento,,,,,,,,,

Duka

Dom, 13/09/2015 - 07:07

MI CHIEDO: IL BULLO ANDRA' ANCHE IN SPAGNA? (sempre pagato da noi naturalmente).