Atalanta-Lazio, insulti a Mihajlovic: "Zingaro". Il serbo placato a fatica dalla Polizia

Fuori dallo stadio Olimpico, prima della finale di Coppa Italia Atalanta-Lazio, Sinisa Mihajlovic ha ricevuto degli insulti ed è stato fermato a fatica dalle forze dell'ordine

Atalanta-Lazio ha lasciato diversi strascichi polemici in campo, da parte nerazzurra, mentre prima della finale di Coppa Italia alcuni tifosi biancocelesti si sono resi protagonisti di tafferugli con le forze dell'ordine. Durante queste colluttazioni tra la Polizia e gli ultras non è passato inosservato un personaggio molto importante del mondo del calcio: Sinisa Mihajlovic. Il serbo, attuale allenatore del Bologna, infatti si stava recando allo stadio per assistere alla partita di domenica anche perché la sua squadra giocherà proprio contro quella di Simone Inzaghi nel prossimo turno di campionato.

Mihajlovic, però, è stato provocato da una persona che l'ha così apostrofato: "Zingaro". A questa offesa l'ex allenatore di Milan e Fiorentina ha replicato piccatamente: "Zingaro a chi?". Nel video si vede Mihajlovic che cerca di andare a muso duro contro chi l'ha insultato con ben sette agenti di Polizia che tentano a fatica di tenerlo a bada. Dal suo profilo Instagram la moglie Arianna ha precisato: "A insultare Sinisa non è stato un tifoso biancoceleste, scenario che in effetti lasciava piuttosto perplessi vista la lunga e fruttuosa militanza del serbo nel club capitolino, bensì un rappresentante delle forze dell'ordine, addetto al controllo dei varchi all'accesso allo stadio Olimpico".

Commenti

Vincenzo65

Gio, 16/05/2019 - 22:54

Non capisco perché si è offeso !

ruggerobarretti

Ven, 17/05/2019 - 08:04

Vincenzo: tu ti offenderesti??? Io si. Dovresti sapere che tra Serbi ed altre etnie non scorre buon sangue, soprattutto verso quei "nomadi" tanto ben accetti a certa cultura politicamente corr(e)otta.

Vincenzo65

Sab, 18/05/2019 - 22:20

Ciao Ruggero, ovviamente la mia era solo una battuta è vero che gli zingari o nomadi non rappresentano certo un modello di integrazione e legalità ma è vero anche che i Serbi in Croazia hanno fatto peggio dei nazisti per cui come si dice il più pulito ha la rogna è per questo che non me la prendo mai quando qualcuno cerca di provocarmi con offese a volte anche pesanti, non vale la pena.