Azzurre, un ko indolore. Il Brasile vince su rigore ma il 1° posto è nostro

Solo un penalty dubbio realizzato da Marta piega l'Italia che soffre e mostra carattere

Serve un rigore generoso per infliggere la prima sconfitta all'Italia nel mondiale femminile. Elisa Linari allarga il braccio su Debinha, il contatto è spalla contro spalla, la messicana con il fischietto neanche va al Var per rivedere e dal dischetto segna Marta. È il 28' del secondo tempo e, 37 anni dopo, con questo 1-0 il Brasile vendica in minima parte il 3-2 maschile. Il triplettista di Spagna '82, il mito Paolo Rossi, è in studio su Rai1, in Francia l'Italia non sa tenere lo 0-0 sino alla fine, è salvata da due traverse e concede più occasioni.

A Valenciennes passa comunque per prima, le brasiliane sono terze per differenza reti e comunque qualificate, mentre l'Australia è seconda grazie al 4-1 sulla Giamaica. Negli ottavi le azzurre saranno favorite, martedì 25 a Montpellier con la Nigeria o con la Cina. Il turnover della ct Milena Bertolini è minimo, rispetto al 5-0 con la Giamaica entrano Galli per Bergamaschi e Giacinti per Sabatino. Bonansea è sempre uno spettacolo a sinistra, nelle gambe ha la forza di un uomo. Impegna a terra il portiere (entrambe si chiamano Barbara) e quando punta l'avversaria ricorda Cristiano Ronaldo, del resto anche lei gioca nella Juve. È in ribasso Marta nel Brasile, al 5° mondiale a 33 anni: resta insidiosa sugli angoli da destra, Laura Giuliani ha un riflesso super sul colpo di tacco di Debinha e poi si aiuta con la traversa. Con il passare dei minuti crescono le verdeoro, suppliscono alla mancanza di Formiga, a 41 anni ancora fra i centrocampisti più forti al mondo: serve una bella chiusura aerea di Linari, l'unica italiana a giocare all'estero, nell'Atletico Madrid. La nazionale sa soffrire, riguadagna metri, copre bene il campo e segna con Cristiana Girelli, ma in evidente fuorigioco. Sempre la trequartista bianconera in acrobazia si fa respingere la conclusione ravvicinata.

Il ritmo scende, Linari oppone il braccio a un colpo di testa in area, il Var conferma che non è rigore. Giuliani è brava con i piedi, avvia un contropiede spettacolare di Valentina Cernoia, Alia Guagni si sovrappone, crossa e Bonansea colpisce troppo centralmente, agevolando la parata. Il secondo tempo scorre via con buone trame palla a terra, Andressinha coglie la traversa su punizione, avvicinano il palo Kathellen di testa e Beatriz, appena entrata, in girata. Nell'Italia c'è il cambio fra Valentine, Bergamaschi per Giacinti, per arginare l'offensiva brasiliana più insistita sulla destra. Il possesso palla è sterile e quando la tattica di attesa di Milena Bertolini sembra premiante arriva quel contrasto di Linari. Marta con il rossetto viola trasforma il rigore con sicurezza, è capocannoniera iridata di ogni tempo, con 17 gol, uno in più del tedesco Miroslav Klose. Era subentrata Boattin a Bartoli per difendere, entrerà anche Ilaria Mauro per Girelli ma l'Italia costruirà solo tre occasioni senza pareggiare. La migliore è allo scadere, parata di Barbara sul tiro-cross di Manuela Giugliano. Con l'Australia, al debutto, si era esaltata nel secondo tempo, ieri sera si è spenta dopo una buona frazione. Era già passata con un turno d'anticipo, festeggia comunque con una prestazione positiva.