Bella storia alla Chapecoense: la vedova dell'addetto stampa prende il suo posto

La Freitas ha dichiarato: "Il momento più difficile è stato il primo volo con la Chapecoense. Su quell’aereo ho sofferto molto, non smettevo di pensare a quello che era successo in Colombia"

Il disastro aereo della Chapecoense è ancora vivo negli occhi di tutti: in quella immane tragedia persero la vita 71 persone. Tutta, o quasi, la rosa del club brasiliano perse la vita sulle montagne colombiane, mettendo in seria difficoltà la Chapecoense che in questi mesi, però, ha avuto il coraggio di ripartire con un nuovo allenatore, nuovi giocatori e nuovi membri dello staff tecnico.

Tra di loro c'è anche Sirli Freitas, vedova dell'ex adetto stampa della Chapecoense, Cleberson Silva che di anni ne aveva 39. Il club brasiliano ha deciso di andare incontro alla donna rimasta solo con due figli di 8 e 3 anni affidandole l'ex incarico del marito. La Freitas era una foto-reporter presso il Diario Catarinense, conosceva il mestiere ed ha deciso di accettare seppur questa sia una cosa molto dolorosa: "Ovviamente è molto dura, il momento più difficile è stato il primo volo, in Perù, con la nuova squadra della Chape. Su quell’aereo ho sofferto molto, non potevo smettere di pensare a quello che era successo in Colombia. Spero che in futuro le cose diventino più facili, io devo far vedere ai miei figli che hanno una madre forte”.