Benevento, Lucioni spera: il 9 aprile c'è il ricorso

Fissata la data per il ricorso del capitano del Benevento su cui grava una squalifica di un anno per doping. Il Tna si pronuncerà il 9 aprile sul caso

Non si arrende Fabio Lucioni, il capitano del Benevento fermo ai box a causa della discussa squalifica per doping comminatagli dal Tna. Il calciatore, tramite il suo legale, ha presentato ricorso e i giudici del Tribunale nazionale antidoping hanno fissato la data dell’esame: la partita più importante della stagione del capitano sannita si giocherà, come riporta Il Sannio Quotidiano, a Roma il prossimo 9 aprile.

La speranza per il calciatore è quella di ritrovare il campo al più presto possibile per tentare di dare una mano alla squadra che, ormai dall’inizio del campionato, latita all’ultimo posto della classifica.

La sentenza era giunta, come un fulmine a ciel sereno, a metà gennaio. Il Tribunale nazionale antidoping, nonostante il medico sociale del Benevento (poi squalificato per 4 anni) si fosse accollato ogni responsabilità confermando l’assoluta estraneità ai fatti del calciatore, aveva deciso di squalificare per un anno il difensore. Una beffa nella beffa perché il rientro di Lucioni, dopo lo stop a settembre (subito dopo la gara contro il Torino in cui i controlli evidenziarono la presenza del clostebol, la sostanza incriminata), aveva galvanizzato i giallorossi campani che, in tre gare, erano riusciti a collezionare sei punti.

Adesso si attende la pronuncia dei giudici sul ricorso che, del resto, era stato ampiamente annunciato dal calciatore dopo la prima pronuncia del Tna sul suo caso.