Berlusconi ha votato: il Milan va verso Inzaghi

Nella notte elettorale la decisione: via Seedorf. Ieri sera la cena con Galliani e (forse) SuperPippo, ormai in pole

Sono queste le ore decisive che porteranno il Milan a scrivere il capitolo della prossima stagione. Ieri sera, dopo una giornata di indiscrezioni, Adriano Galliani è tornato ad Arcore per definire la prossima stagione del Milan e soprattutto chi dovrà sostituire Clarence Seedorf ormai a fine corsa sulla panchina rossonera. Una scelta maturata nella notte elettorale, tra un exit poll e una proiezione, da Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, con il concorso di Barbara Berlusconi, l'altro ad del club rossonero. Nell'agenda sono stati scanditi i due argomenti: prima la decisione sul destino di Seedorf, poi la definizione dell'identikit del suo successore. Non era infatti scontata la rinuncia all'olandese, anche per via del suo contratto lungo altri due anni e con un peso notevole, 5 milioni al netto delle tasse, 10 per il bilancio societario. Solo l'azionista poteva assumere una decisione così impegnativa per i conti. Nella notte del dopo voto è venuta fuori la prima scelta unitaria del Milan: chiudere cioè l'esperienza di Clarence Seedorf, considerata insoddisfacente non tanto per i risultati «dignitosi» (definizione dell'interessato) ma per la gestione del gruppo.

Sul tavolo del presidente Berlusconi è stato squadernato l'elenco dei possibili candidati alla successione. I più prestigiosi, uno alla volta, sono diventati irragiungibili. Il primo della lista, Antonio Conte, contattato prima della trasferta di Bergamo, ha finito con il restare a Torino e con la Juve; il secondo, Carlo Ancelotti, appena incoronato re d'Europa, nonostante il mancato feeling con il presidente Florentino Perez, aveva fatto sapere che solo in caso di insuccesso europeo avrebbe interrotto il ricco contratto con il Real. A questo punto gli altri nomi proposti da Galliani al presidente non hanno riscosso un particolare gradimento e sono perciò usciti di scena: dapprima il tecnico basco del Siviglia, Unai Emery, che ha quindi spostato a mercoledì l'appuntamento per firmare il rinnovo contrattuale con il club con il quale ha appena vinto l'Europa league dando l'annuncio alla radio ufficiale, quindi l'allenatore del Benfica Jorge Jesus non ha superato l'esame durante l'incontro di Lisbona ed è rimasto al palo.

A questo punto la scelta si è ridotta a un solo candidato eccellente, Filippo Inzaghi, con l'aggiunta di un concorrente di primo piano, Roberto Donadoni, che però non ha ottenuto la benedizione presidenziale. SuperPippo addirittura veniva dato per presente ieri sera alla cena di Arcore, ma non si è avuta la conferma. in ogni caso nessuno del gotha milanista si è nascosto i rischi e le contraddizioni legate a una scelta del genere. È vero, Inzaghi è reduce da due anni di splendido lavoro nel settore giovanile, ha vinto il Viareggio, che è una sorta di Champions league per il calcio giovanile italiano ma non ha mai guidato un gruppo di professionisti, una squadra vera insomma. Come Seedorf è perfettamente a conoscenza del mondo Milan, ha a disposizione uno staff collaudato e che viene considerato (dixit Ancelotti) di grande qualità. Conoscendo Silvio Berlusconi e la sua capacità di sparigliare, non è esclusa una sorpresa. «Abbiamo tutto il tempo a disposizione» è stata la premessa del vertice di ieri sera. Da oggi Cantamessa, il legale rossonero, comincerà a lavorare all'affare Seedorf, quindi, raggiunta l'intesa con l'olandese, si provvederà all'annuncio ufficiale del suo erede. La casella lasciata libera da Pippo, nel settore giovanile, è stata già occupata da Costacurta.

Commenti

pathos

Mar, 27/05/2014 - 09:34

Il geometra ce l'ha fatta .Sotto ricatto perenne pensionistico da quando berlusconi ha scelto seedorf il suo cruccio era quello di eliminarlo. Si capiva benissimo quando dalla tribuna gli dava del matto nonchè i suoi silenzi per isolare seedorf psicologicamente.Lui sul campo vinceva ma non gli andava bene . Ed ora sotto uno dei suoi : Inzaghi senza ovviamente capire che le sue squadre cedono fisicamente ed hanno difese banali come osservato nei 2 anni di vivaio. ma non si riesce ad eliminare costui ? Vero Barbarella ?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 27/05/2014 - 10:15

Perfetto, altri anni di risate si prospettano, il "murigno" di arcore ha deciso.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 27/05/2014 - 10:20

Povero Milan! Ho sempre tenuto per il Milan, da quando ero bambino, ma questi fatti mi disgustano profondamente. Ritengo Clarence Seedorf una gran persona e un valido allenatore e mi auguro che venda cara la pelle. Se ad Arcore vogliono fare come a Palermo imparino a pagare quel che devono.

Cinghiale

Mar, 27/05/2014 - 10:50

Probabilmente era quello che costava meno.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mar, 27/05/2014 - 11:49

Non ci sono parole.

Ritratto di Farusman

Farusman

Mar, 27/05/2014 - 13:46

Anche in questa vicenda si dimostra l'irreversibile declino di Berlusconi: quello vero non avrebbe mai agito in questo modo, facendo una pessima figura. Inzaghi avrebbe potuto prenderlo subito dopo Allegri, senza passare per Sedorf. Berlusca ci mette i soldi ma il vero padrone del Milan è Galliani. Il quale gioca tutto sul ricatto della sua eventuale buonuscita.

Ritratto di morbin

morbin

Mar, 27/05/2014 - 15:02

Scelto Inzaghi perché, a differenza di Seedorf, è uno "yes man", uno cioé che seguirà i consigli del "capo". In questo Seedorf non andava bene! Pippo corre il rischio di bruciarsi precocemente le ali prima ancora di spiccare il volo. Avrà preso in mano il Milan per il suo grande amore per la maglia rossonera, non sapendo, forse, dire di no a chi gli ha fatto la proposta. Speriamo abbia ricevuto delle garanzie, sempre ahimé relative, vista la situazione finanziaria di Casa MIlan,sui futuri acquisti della Società,che sicuramente con lui tenderà a risparmiare, gettando nella mischia giovani che Inzaghi conosce bene. Attenzione, così, a non bruciare però prematuramente anche loro! ... Insomma, Milan che è tutta un'incognita, che riscuote la fiducia solo di chi è a lui totalmente dedito e tifoso.

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Mar, 27/05/2014 - 17:59

E torniamo sempre al punto di partenza.Dormiamo sugli allori. Prendiamo qualcuno di nuovo con le "palle" e non buttiamo soldi al vento della memoria. Guardatevi in giro e( come a scuola) copiate, copiate.... Il mondo è cambiato.Possibile che siano tutti cechi? Gwendolin

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Mar, 27/05/2014 - 18:04

Povero vecchio Milan, come stiamo cadendo in basso....ad emulare F.I. -- non c'è nessuno che capisca che qualcuno che stona?? Ormai è inutile continuare a sperare nella buona stella. I tempi dei regali sono finiti.Mi meraviglio che un Industriale di tipo B. non veda oltre...Gwendolin