Bolt amaro: "Mi dispiace tanto, non volevo finisse così"

Bolt si è infortunato durante la staffetta 4x100. Il fuoriclasse giamaicano ha sentito dolore al quadricipite della gamba sinistra non riuscendo a terminare la batteria

Usain Bolt, lo scorso 5 agosto ai Mondiali di Londra, ha detto addio all'agonismo. Il fuoriclasse giamaicano, però, si augurava di lasciare con una medaglia d'oro confermandosi l'uomo più veloce del mondo. In realtà il 30enne di Sherwood Content è stato battuto nettamente dagli americani Gatlin e Coleman che lo hanno relegato "solo" in terza posizione. A Bolt è andata peggio nella staffetta 4x100 visto che un infortunio muscolare l'ha costretto alla resa.

Bolt, dal suo profilo Instagram, ha postato una foto con i suoi tre compagni di squadra e ha voluto ringraziare tutti i fan: "Grazie a tutti ragazzi, amore infinito per i miei supporters". L'ormai ex velocista giamaicano, su Snapchat, ha poi espresso la sua amarezza a distanza di due ore dalla gara: "Non era certo questo il modo col quale avrei voluto dirvi addio. Ho dato tutto, in pista. Ho dato tutto me stesso, come sempre. Mi spiace non essere nemmeno riuscito salutarvi, ma sarò allo stadio domani e mi farò vedere”.

Thank You my peeps. Infinite love for my fans

Un post condiviso da Usain St.Leo Bolt (@usainbolt) in data:

Commenti
Ritratto di vraie55

vraie55

Lun, 14/08/2017 - 13:20

"::. ma sarò allo stadio domani e mi farò vedere”. APPARIRA' nei CIELI?