Boris Becker nei guai: bancarotta per un debito da 6 milioni di euro

Becker non è riuscito a saldare il debito contratto con una banca privata. La giudice: Dichiaro il fallimento con dispiacere, ma al momento non ha dimostrato di poter pagare"

Boris Becker è stato uno dei migliori tennisti della storia. Il tedesco, nella sua gloriosa carriera, ha vinto 49 titoli e ben 6 titoli dello Slam: 3 volte Wimbledon, 2 volte gli Australian Open e una volta gli Us Open. Becker non ha mai vinto il Roland Garros e il suo miglior risultato è stata la semifinale raggiunta tre volte nel 1987, 1989 e 1991. Oggi, però, sono arrivate brutte notizie per il 49enne visto che un tribunale di Londra ha dichiarato bancarotta per per l'ex numero uno al mondo.

Secondo quanto riportano i media inglesi, Becker avrebbe contratto un debito da oltre 6 milioni di euro con una banca privata, la Arbuthnot Latham & Co. Gli avvocati del tedesco avevano chiesto una deroga per quanto concerne il pagamento, dando per scontato che il debito sarebbe stato saldato ipotecando una sua proprietà a Maiorca. La giudice, Christine Derret, però, ha dovuto dichiarare il fallimento dell'ex fuoriclasse del tennis: "Dichiaro il fallimento con molto dispiacere: ma al momento non ci sono prove sufficienti che assicurino la possibilità di pagare il debito a breve. E' molto raro che un professionista non saldi un debito dopo quasi due anni- Non ha dimostrato di essere una persona brillante in fatto di finanze. In questo senso ho l’impressione che siamo davanti a un uomo che mette la testa sotto la sabbia per non vedere i problemi".