C'è lo spirito di Rio in quest'Italia del volley

Gli azzurri di Blengini già qualificati alla seconda fase. Zaytsev e Juantorena leader

L'Italia si è qualificata in fretta alla seconda fase del mondiale ospitato con la Bulgaria, deve però vincere anche domani sera, con la Slovenia, per mantenere il primato nel girone, giocare a Milano e non a Bologna, e garantirsi così anche l'ipoteca del passaggio alle final 6 di Torino (ieri sera la partita con la Repubblica Domenicana è finita senza affanni 3-0).

Con il Belgio il pathos era durato per un set, con l'Argentina è stato molto più complicato, il 3-1 a tratti palpitante, come nella semifinale olimpica, quando l'Italia batté gli Usa.

Gli azzurri sono più continui del Brasile, sconfitta dall'Olanda, mentre Cuba conferma la flessione di questo millennio.

C'è lo spirito di Rio, manca la concentrazione assoluta. Quando Zaytsev non è in super serata, ci pensa Juantorena, ma la battuta float lo mette in difficoltà, sbagliate due ricezioni chiave. Il primo muro, sabato sera, è arrivato nel quarto set, Mazzone e Anzani comunque non sono male, nei primi tempi. Giannelli è una sicurezza, in regia, Lanza è il terzo bomber, all'ombra dello zar e del cubano. E Blengini quasi rinuncia ai cambi. Persino la Russia ha perso, con gli Usa. Ci fidiamo di Blengini, l'Italia può battere chiunque, tantopiù con il fattore campo. La difesa è buona, occorre più continuità al servizio.