Cantù evita il derby con Milano E Pesaro fa retrocedere Caserta

Finisce con l'invasione felice dei tifosi di Pesaro e le lacrime di quelli che sognavano la salvezza di Caserta dopo la grande rimonta in classifica sotto la guida di Vincenzino Esposito che anche nella sconfitta si è mostrato davvero un grande, come del resto il Paolini della grande dinastia pesarese che alla fine ha dedicato questo "scudetto" al padre che ha costruito dopo Aido Fava la grande scuola. Vince 80-70 questa Pesaro costruita con pochi soldi da Ario Costa, forse il più felice ieri, più di quando li vinceva davvero gli scudetti per Pesaro.

L'ultima giornata ci ha dato anche il tabellone dei playoff che scatteranno lunedì 18 maggio con Milano-Bologna, una classica anche se la Virtus adesso è fra i leggeri e l'Olimpia fra i massimi. Nella stessa giornata Trento, la rivelazione dell'anno, il quarto posto per una neopromossa è un capolavoro, contro Sassari.

Nell'altra parte del tabellone che si inizierà martedì 19 maggio rivedremo un Reggio Emilia-Brindisi già visto ieri con successo emiliano, e Venezia-Cantù che sembra davvero un colpo del diavolo visto che Charlie Recalcati, giunto ieri al record di vittorie (526) come allenatore, dovrà battersi con la sua Reyer contro il club dove è stato grande giocatore e anche tecnico.

Ultima giornata: Varese-Avellino 66-73, Cremona-Sassari 97-99, Pesaro-Caserta 80-70, Milano-Pistoia 78-77, Venezia-Capo d'Orlando 90-67, R. Emilia-Brindisi 67-63, Trento-Bologna 96-81, Roma-Cantù 75-78.

Classifica finale regular season: Milano 50; Venezia 42; Reggio Emilia 40; Trento e Sassari 36; Brindisi 32; Cantù e Bologna (-2) 28; Pistoia 26; Roma, Varese e Cremona 24; Avellino 22; Capo d'Orlando 20; Caserta (-1) 15; Pesaro 14.