A casa di Coppi, guardando al domani

C he sia un prodigio non ci sono più dubbi. Che questo Fernando Gaviria sia uno dei più forti velocisti del mondo anche. Nei prossimi anni tutti, proprio tutti, dovranno fare i conti con questo ragazzo colombiano di appena 22 anni. La volata di ieri è stata un piacere per gli occhi, per chi ama questo sport stupendo come il sottoscritto. Sbaglia, perde la ruota del compagno di squadra, poi s'inventa un recupero che lascia gli avversari di sale e il sottoscritto a bocca aperta. Strepitoso.

Oggi il Giro fa tappa a Castellania. Il borgo dove nacque, crebbe e riposa da 57 anni il più grande dei grandi: Fausto Coppi. Chi mi conosce sa perfettamente cosa significhi per me il Campionissimo. Cosa mi trasmetta ancora oggi. Ho tantissimi ricordi di Fausto: un atleta senza eguali. Con un pizzico di nostalgia, mi rivedo bimbo e ragazzino. Mi ripenso con papà - coppiano e coppista - che mi conforta: «C'è anche domani, Ennio». Una filosofia di vita, che mi accompagna da sempre. Nell'oggi e anche nel domani.