Ciclismo, Ullrich nei guai: arrestato a Maiorca per aggressione a un vicino

L'ex campione tedesco di ciclismo Jan Ullrich è stato tratto in arresto a Maiorca, dove vive dal 2016, per aver violato il domicilio del suo vicino di casa e per averlo aggredito

Jan Ullrich è stato uno dei ciclisti più stimati quando era in attività. Il 44enne tedesco, tra l'altro, ha anche messo in bacheca un Tour de France nel 1997, una Vuelta di Spagna due anni dopo, nel 1999, e un titolo olimpico a Sidney nel 2000. Ullrich in carriera è stato un grande specialista delle grandi corse a tappe e delle gare a cronometro ma questa volta si è reso protagonista di un gesto non onorevole e che ne ha portato all'arresto per qualche ora. Secondo quanto riportano i media, infatti, Ullreich si sarebbe introdotto nella villa del suo vicino a Maiorca, dove vive dal 2016, per presenziare al party organizzato dal regista Til Schweiger per festeggiare l'uscita del suo nuovo film "Honey in the Head".

Peccato che l'ex ciclista tedesco non fosse stato invitato alla festa e che, e per questa ragione, avrebbe aggredito il padrone di casa. Il quotidiano tedesco Bild ha confermato come Ullrich sia stato tratto in arresto e ha pubblicato anche un suo virgolettato: "Sono stato alla stazione di polizia per cinque ore. Posso confermare che c’è stato un incidente con il mio vicino Til. Non è così che avevo immaginato la mia vacanza”. Non è la prima volta che l'ex campione tedesco si mette nei guai con la legge visto che nel 2014 andò a schiantarsi contro un'automobile, ferendo pure due persone e venne condannato a 21 mesi di reclusione con la condizionale e una multa salatissima da 10mila franchi.