Clamoroso Napoli: De Laurentiis si vuole riprendere Cavani

Il Napoli di Aurelio De Laurentiis vuole provare a convincere il Psg a cedergli Edinson Cavani: non sarà facile ma i tifosi già sognano

Edinson Cavani festeggia il goal contro il Costa Rica

Il Napoli ha ottenuto la prima vittoria in campionato, battendo per per 4-2 il Milan di Vincenzo Montella che ha fatto venire, però, i brividi agli uomini di Maurizo Sarri. C'era grande attesa attorno ad Arkadiusz Milik, attaccante polacco classe 94 prelevato dall'Ajax, che non ha fallito siglando una doppietta che ha fatto andare in visibilio i tanti tifosi azzurri. Gonzalo Higuain è già il passato: il presnete e il futuro del Napoli si chiama Milik. Nonostante un Mertens in stato di grazie e un Callejon già in forma, e autore anche lui di una doppietta, Aurelio De Laurentiis vuole regalare un altro grande attaccante al suo allenatore per essere competitivi sia in campionato che in Champions League. Dopo aver incassato un secco due di picche dall'Inter per Mauro Icardi, l'obiettivo numero uno dei partenopei è diventato il croato della Fiorentina Nikola Kalinic, anche se Paulo Sousa e il direttore sportivo della Viola, Pantaleo Corvino si tengono stretto il loro centravanti.

Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, i tifosi del Napoli possono sognare perché il club azzurro avrebbe già raggiunto un accordo di massima per convincere Edinson Cavani a tornare a Napoli. Il Matador, in tre stagioni sotto l'ombra del Vesuvio, ha messo insieme 104 reti in 138 presenze complessive e punta a superare il record di un grande fuoriclasse del Napoli del passato come Diego Armando Maradona che ha segnato solo 11 reti in più di lui con la maglia del Napoli. Il 29enne nato a Salto sarebbe poi felice di ritrovare i suoi due figli, Bautisa e Lucas, rimasti in città con l'ex moglie. Cavani non si lasciò bene con la società ma le incomprensioni sembrano ora un brutto ricordo e l'affare potrebbe andare in porto e non è così utopico: Nasser Al-Khelaifi, sceicco proprietario del Psg, permettendo.