Contratto garantito, ma per far che?

di Tony DamascelliS econdo me è tutta colpa della stampa. Come sempre. Infatti tra Spalletti e Totti nulla è accaduto, tra sabato e domenica intendo. I due hanno scherzato e ci siamo cascati come degli imbecilli. L'amore di Spalletti per Totti supera quello di Ilary per lo stesso Francesco. E Totti pensa che Spalletti sia il migliore allenatore della storia della Roma, prima e dopo la guerra, mondiale ovviamente. Ci hanno preso in giro, hanno allestito una gag da scherzi a parte, un anticipo dell'1 di aprile che ha ingannato anche la stampa internazionale. Non era vero nulla, non c'è stato e non c'è nessun caso Totti-Spalletti, lo ha ribadito l'avvocato Mauro Baldissoni che è il diggì della Roma, dunque conosce lo stato delle cose e dei casi. E allora? Allora perché, se il caso non esiste, Totti non è andato in panchina e, invece, in tribuna? Perché ha rilasciato l'intervista a Rai 1? Spalletti ha spiegato che non può avere un occhio di riguardo per il calciatore perché così dovrebbe fare con tutti. Ma allora perché non si va a riguardare i fotogrammi che inquadrano Maicon che gli strilla un vaffa mentre lui, il tecnico, sta dialogando con Manolas? Forse anche Maicon stava scherzando, forse il brasiliano «si stava caricando», come ha detto il succitato Baldissoni ed è bello pensare a un professionista che abbia bisogno di autovaffanc.. per trovare gli stimoli giusti contro il Palermo. E' un bel vivere, un bel vedere quello che sta capitando a questa Roma che, fino all'anno scorso, rimetteva la chiesa al centro del villaggio e poi, improvvisamente, ha spostato parrocchia, parroco e fedeli in periferia. E' singolare anche leggere e ascoltare le parole di Spalletti che chiede a Totti che cosa voglia fare da grande, Giggs? Nedved? come se tocchi a Spalletti decidere e non al club, a meno che qualcuno del club, dico Pallotta, non gli abbia dato il passaporto diplomatico per disporre de laqualunque a Roma. Totti, stando sempre a Baldissoni, avrebbe in mano la garanzia di un contratto da dirigente della durata di anni sei, in cambio di seicentomila euro annui. Per fare che cosa? L'accompagnatore degli arbitri? Il team manager? Il vicepresidente? Il consulente tecnico? Spalletti si è parato le spalle dicendo che per lui Totti può fare tutto, meno il calciatore. Allora si spieghi meglio, viene dalla terra della lingua madre, abbia il coraggio di dire perché ha mandato in campo Totti contro il Real Madrid per minuti 4, per di più sullo 0 a 2. E perché Maicon si può permettere di insultare. Ecco, bastano poche parole per sciogliere il dubbio e ribadire che hanno scherzato tutti. E la colpa è soltanto della stampa. Si replica. Ne sono sicuro.