Il dg del Barcellona: "Coutinho non è arrivato? Il Liverpool voleva 200 milioni"

Il Barcellona si è tirato indietro dalla corsa per Coutinho: "L'abbiamo fatto per far capire che non accettiamo questo nuovo modello di intendere il calcio: non vogliamo entrare in questo gioco"

Il Barcellona ha perso una pedina importante come Neymar ma ha incassato una cifra enorme come 222 milioni di euro per il suo cartellino. Il club blaugrana per sopperire alla partenza del brasiliano ha acquistato dal Borussia Dortmund, per 105 milioni di euro più 42 di bonus, Dembélé che insieme a Mbappé e Karamoh è considerato uno dei giovani francesi di maggior talento. Robert Fernandez, direttore tecnico, e Albert Soler, direttore sportivo del Barcellona, in conferenza stampa hanno parlato del rinnovo di contratto di Messi, il quale va solo messo nero su bianco: "Il rinnovo di Lionel? Quando un club annuncia un accordo è perchè è stato convalidato da entrambe le parti in causa: manca solo di essere protocollato. Dobbiamo solo renderlo effettivo. Leo è circondato da grandi giocatori e con i nuovi acquisti non abbiamo paura di non raggiungere i nostri obiettivi".

I dirigenti del Barcellona hanno poi parlato della volontà del club di provare a prendere Marco Verratti, di come la cessione di Neymar abbia condizionato il mercato blaugrana e del mancato arrivo di Coutinho dal Liverpool: "Ho parlato con Emery e sa benissimo che Verratti è un giocatore che noi vogliamo. Purtroppo il fatto che tutti sapessero che avevamo incassato i 222 milioni di euro per Neymar ha condizionato il mercato. Tutti sapevano che avevano quel budget e quindi tutti hanno alzato i prezzi. Coutinho? Ieri il Liverpool ha chiesto 200 milioni di euro. Abbiamo apprezzato la scelta fatta dal giocatore e i suoi sforzi per arrivare qui, ma abbiamo deciso di non spendere questa cifra. L'abbiamo fatto per far capire che non accettiamo questo nuovo modello di intendere il calcio: non vogliamo entrare in questo gioco".