Disordini in Milan-Rijeka: arrestati 7 tifosi croati

Sette tifosi del Rijeka sono stati arrestati per le intemperanze di ieri avvenute e prima e durante la partita contro il Milan. Il Console croato si è scusato con la Questura per gli incidenti

Il Milan di Vincenzo Montella, ieri sera al Meazza, ha ospitato il Rijeka sconfitti a fatica solo al 94' dal gol di Cutrone che ha fatto esplodere la gioia dei supporters rossoneri. I tifosi croati, invece per tutta la partita e precedentemente durante la giornata, non sono stati esempio di civiltà ed educazione. Già nel pre-gara, in piazza Duomo, si erano vissuti attimi di paura con lancio di fumogeni e di altri oggetti che sono poi continuati dentro lo stadio.

Il bilancio finale è stato di ben 7 tifosi del Rijeka arrestati e undici provvedimenti di Daspo a loro carico dopo gli scempi avvenuti durante il match contro il Milan. La Digos ha tratto in arresto anche un'ultrà che nel corso della partita aveva lanciato in campo diverse torce luminose. Il questore di Milano Marcello Cardona ha adottato nei suoi confronti un immediato provvedimento Daspo e la stessa Questura milanese ha fatto saper che il Console croato ha voluto scusarsi personalmente per gli accadimenti avvenuti ieri sera allo stadio.