Djokovic: "Io frainteso, chiedo solo premi equi..."

Novak Djokovic si scusa con tutti coloro che hanno frainteso le sue parole sulla questione montepremi e sulla diversità di appeal fra il tennis maschile e quello femminile

Dietrofront, per modo di dire. Novak Djokovic si scusa con tutti coloro che hanno frainteso le sue parole sulla questione montepremi e sulla diversità di appeal fra il tennis maschile e quello femminile. Modo sbagliato di dire un concetto, perché la sostanza - ribadisce il tennista serbo - è che gli uomini fanno più audience ed è quindi normale che guadagnino di più, è la legge dello sport/spettacolo. Oltretutto la polemica era stata innescata dal direttore del torneo di Indian Wells, Raymond Moore, costretto a dimettersi dopo avere sostenuto che il tennis femminile «vive sulle spalle di quello maschile».

Djokovic aveva definito tali affermazioni «politicamente scorrette», aggiungendo però che «è giusto che noi uomini si guadagni di più perché siamo più seguiti delle donne».Visto il clamore suscitato dalle sue affermazioni il numero uno del mondo ha deciso di pubblicare un messaggio su Facebook, dal titolo «Miglior gioco per tutti», per chiarire definitivamente il proprio punto di vista. «Mi è stato chiesto di commentare una polemica che non avevo certo scatenato io. L'euforia e l'adrenalina dopo la vittoria di domenica (nella finale di Indian Wells contro Milos Raonic, ndr) hanno prevalso e mi sono lasciato andare ad alcuni commenti che non sono la migliore articolazione del mio punto di vista e che ora vorrei chiarire», scrive Nole.

«Come tutti ben sapete, ho profondamente a cuore il futuro di questo sport e di tutti i giocatori. Il tennis mi ha aiutato molto nella vita e ho sentito il bisogno di parlare della migliore e più giusta distribuzione dei fondi all'interno del circuito, sia per gli uomini che per le donne - sottolinea il campione di Belgrado -. Noi tutti dobbiamo lottare per quello che meritiamo ma questo non deve essere trasformato in una guerra tra sessi, ma riguarda il modo in cui tutti i giocatori vengono premiati per il loro gioco e i loro sforzi nei campi di tutto il mondo. Il tennis è lo sport che amo e che mi ha dato l'opportunità di aiutare chi ha ancora davanti a sé una lunga strada per realizzare i propri sogni. Questo è il mio punto di vista e voglio scusarmi con tutti coloro che lo hanno preso nel modo sbagliato».

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Gio, 24/03/2016 - 12:00

---ogni tanto questo campione fa una gaffe----non deve essere granchè come persona----