Empoli e Fiorentina, lo show ha un segreto verde

Riapre il campionato dopo la sosta per le nazionali e la Fiorentina si ritrova a difendere il primo posto: al Franchi arriverà l'Empoli, per il derby della provincia. Ma non ditelo ai fiorentini: per loro i derby sono un'altra storia. Mentre a Empoli questa partita la sentono in modo diverso: quindici minuti di superstrada per arrivare nel capoluogo valgono una rivalità accesa. Eppure c'è un comune denominatore che lega l'Empoli alla Fiorentina: la linea verde. Gli azzurri, per la cronaca, sono la squadra più giovane del campionato, la media parla di 25,2 anni. I viola, invece, davanti hanno solo tre gruppi: Empoli, appunto, quindi Carpi e Palermo (con 26,2 anni) e sono appaiati al Frosinone per una media di 26,5 anni.Sousa contro Giampaolo non significa soltanto confronto tra due tecnici capaci di mettere il gioco di fronte alle individualità. Sousa contro Giampaolo equivale anche a «viva la gioventù». In un Paese per vecchi, anche il calcio non sfugge a queste regola: secondo i dati Cies, la nostra serie A è la seconda più vecchia del continente. In testa c'è la Turchia dall'alto dei suoi 27,3 di media, tallonata da vicino dall'Italia con 27,1 anni. Fiorentina ed Empoli vanno in controtendenza. C'è però un distinguo da fare: i viola sono stati ringiovaniti a dovere nella scorsa estate. Una bella sforbiciata al monte ingaggi, adesso di poco superiore ai 40 milioni, a favore di un innesto di giovani provenienti dal vivaio e da fuori. Fino a un anno fa, infatti, la Fiorentina era una delle più anziane del campionato (oltre 30 anni di media). Oggi Sousa può contare su una miscellanea di giovani e vecchi che dopo 12 giornate ha fabbricato un primato in condominio con l'Inter. Il viola più verde è il talento senegalese Abdou Diakhate, nato il 31 dicembre '98, ma che ancora non ha esordito in A: solo una panchina in Europa League contro il Lech Poznan. Mentre tra i titolari e principali alternative, i verdi sono Babacar classe '93, Bernardeschi '94, Gilberto '93 (che è stato fuori però a lungo per infortunio), Rebic '93, oltre a Sepe (portiere di Coppa) e Vecino (autentica rivelazione) del '91. A Empoli, invece, sono abituati da sempre a credere nei ragazzi. Giampaolo ha il merito di aver lanciato subito il baby Assane Dioussé, senegalese pure lui, che ha compiuto 18 anni il 20 settembre scorso. A centrocampo i '94 Paredes e Zielinski sono due autentiche colonne. In attacco molto bravo il friulano Alessandro Più, classe '96. Barba, difensore, e Livaja, punta, sono del '93. Il faro dell'Empoli è il trequartista Saponara, nato nel '91. Anche Pucciarelli, attaccante di movimento, è un '91. Ma siccome un po' di esperienza non guasta mai, a riequilibrare i conti per l'anagrafe e gol, c'è il sempre verde Maccarone. Big Mac, classe '79, è il leader indiscusso. E non smette