Galliani e Sacchi a pranzo dal Cav congelano Mihajlovic

È stato un vertice improvvisato, secondo lo stile più noto di Silvio Berlusconi. Frutto dell'incontro nella basilica di Sant'Ambrogio per i solenni funerali di Cesare Maldini con Arrigo Sacchi e Adriano Galliani. «Venite a colazione da me ad Arcore» l'invito del presidente registrato dai cronisti presenti alla cerimonia religiosa

È stato un vertice improvvisato, secondo lo stile più noto di Silvio Berlusconi. Frutto dell'incontro nella basilica di Sant'Ambrogio per i solenni funerali di Cesare Maldini con Arrigo Sacchi e Adriano Galliani. «Venite a colazione da me ad Arcore» l'invito del presidente registrato dai cronisti presenti alla cerimonia religiosa. «È una rimpatriata tra vecchi amici» è stata la risposta offerta dall'ad rossonero per evitare pedinamenti. Ma a pranzo, tra il risotto d'ordinanza e la crostata di frutta, si è invece discusso e molto di Milan attuale e delle decisioni future da adottare. Non è la prima volta che Silvio Berlusconi interpella Arrigo Sacchi: ai tempi di Pippo Inzaghi gli avevano anche proposto un incarico ufficiale per il settore giovanile. E l'ex ct, sempre in passato, non si è mai tirato indietro suggerendo per esempio Dybala prim'ancora che l'argentino diventasse una gemma preziosa del calciomercato e finisse alla Juve. Anche in materia di allenatori, Arrigo ha sempre avuto idee nette e chiare: non condivise l'arrivo di Seedorf per esempio e dopo Inzaghi propose Sarri, bloccato per un paio di mesi da Galliani sulla parola, prima che arrivasse il sì di Arcore per Mihajlovic. Nella discussione di ieri Berlusconi ha espresso la sua insoddisfazione per il gioco espresso dal Milan, e sull'argomento nessuno dei due ospiti ha potuto replicare. Mentre Sacchi non ha fatto mistero delle sue convinzioni in materia di allenatori: considererebbe un errore, una mossa non da Milan, società un tempo virtuosa, l'eventuale esonero di Mihajlovic, così come valuterebbe un clamoroso rischio l'idea presidenziale di affidarsi all'esordiente Brocchi, attuale tecnico della primavera. In questo modo ha indirettamente fatto sponda con Galliani: anche l'ad è convinto che non sia utile procedere a un altro esonero nella speranza di riuscire a preparare senza traumi la finale della coppa Italia che è l'unico traguardo della stagione a disposizione. Per il futuro è noto che l'eventuale candidato di Sacchi sarebbe Di Francesco del Sassuolo. Che Mihajlovic non se la passi bene è dimostrato anche dalle notizie provenienti da Milanello: Montolivo è finito ko e con la squalifica di Bertolacci, l'allestimento del centrocampo per sabato è tutto da inventare.

Commenti

morghj

Mer, 06/04/2016 - 09:14

La squalifica di bertolacci non è un problema, ma una vera e propria manna.

cicero08

Mer, 06/04/2016 - 13:47

un trio davvero al passo dei tempi...

emigrante48

Mer, 06/04/2016 - 14:44

Galliani, Sacchi e il Cav, ovvero il fu-turo milanista! ahahahahahahahah Tra questo trio e quello della seconda squadra di Milano, ET, Dopanetti e BelloCapello, non so chi é il peggiore!