Gullit: "La Serie A? Meglio ai miei tempi. Maradona più forte di Pelé

Ruud Gullit ha ricordato i tempi quando il suo Milan affrontava il Napoli di Maradona, definito dall'olandese il più forte di tutti i tempi

Ruud Gullit ha scritto pagine importanti della storia del Milan. L'attaccante olandese ha messo insieme 171 presenze e 56 reti in tutte le competizioni con la maglia rossonera vincendo 3 Scudetti, 3 Supercoppe Italiane, 2 Coppe dei Campioni, 2 Supercoppe Europee, 2 Coppe Intercontinentali e il Pallone d'Oro nel 1987. Gullit ai microfoni della Repubblica ha parlato delle tante sfide tra il suo Milan e il Napoli di Maradona, visto che domani sera si giocherà la sfida tra rossoneri e azzurri:"Ci chiedevamo tutti come fermare Maradona. Per me è stato ed è il più grande. In tanti preferiscono Pelé. Ma io Pelé l’ho visto in tv mentre con Maradona ci ho giocato. Maradona era solo, preda degli avversari. Buttarlo giù era una croce al merito. Un’altra cosa che mi piace di Diego è che nessuno dei suoi compagni ne ha mai parlato male. Significa che per loro c’era sempre".

Gullit ha mosso una critica ai difensori e al nostro calcio: "Una critica ai difensori? Sì, a quelli attuali. Anche loro guardano troppo la palla invece di tenere l’uomo. L’unico bravo è Chiellini, che non si fa fregare. Quando giocavo io il difensore aveva sempre la mano su di te, ti sentiva, non perdeva mai il contatto. Io non giudico chi si trasferisce per soldi. Cosa ne sappiamo di cosa c’è dietro a certe scelte? Ai miei tempi l’Italia era il meglio: calcio, stipendi, cibo, vita, arte. Voi mi avete insegnato ad apprezzare il made in Italy e io ve ne sarò sempre grato".












Sulla ricerca scientifica nel calcio: "Dovevamo giocare con la Juve. Chiedo ad Ancelotti come sono le condizioni di Maldini? La risposta è: Maldini è mentalmente stanco. Allora richiedo: Maldini gioca? E Ancelotti: ma cosa vuoi, certo che gioca. In serie A non hai tempo di essere stanco. Io avrò giocato 10 partite senza infortunio, nelle altre o avevo uno stiramento o un’unghia blu, raramente sono stato bene al 100%. Questo significa che Big Data non può essere la Bibbia. Il vero potere è la mente che spinge a fare cose straordinarie anche se i dati dicono che non sei in forma".



Commenti
Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 20/01/2017 - 15:02

Sulla valutazione tecnica non interferisco, anche perché m'intendo poco, e m'interesso ancor meno, di calcio. Ma che differenza di statura morale fra i due. Solo per questo il "pube de oro" (per la Sinagra) andrebbe relegato nei bassifondi dai quali comunque proviene.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 20/01/2017 - 15:31

come è bello sentire quelli della gibbuntusse , del malano , e della inda che ululano per il bruciore all'orifizio , dai ; mezze calzette : fatevene una ragione è stato il più grande e contro di voi .

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 20/01/2017 - 15:32

marco gentile : per che lei ha qualche dubbio sul fatto che maradona sia stato il piu forte di tutti i tempi ?