Higuain tranquillizza i tifosi del Napoli: se parte arriva Icardi?

Gonzalo Higuain è finito nel mirino dell'Atletico Madrid, ma anche altri club sono interessati al Pipita. Il Napoli si starebbe cautelando e ha individuato Icardi come possibile sostituto del classe 87

Gonzalo Higuain è stato uno dei mattatori nel match vinto dall’Argentina contro il Venezuela per 4-1. Il Pipita ha trascinato così la nazionale argentina alle semifinali della Copa America Centenario e ora dovrà affrontare gli Stati Uniti di Jurgen Klinsmann. L’Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone è disposto a mettere sul piatto 60 milioni di euro più il cartellino di Kranevitter per strappare l’attaccante argentino al Napoli. De Laurentiis, per il momento, ha risposto picche sicuro di poter monetizzare ancora di più dall’eventuale cessione del suo fuoriclasse. Al termine del match vinto contro il Venezuela, Higuain ha parlato della semifinale raggiunta ma soprattutto del suo futuro: “L'importante era qualificarsi, per fortuna l'abbiamo fatto e speriamo di continuare per questa strada. Siamo a un passo dalla finale e speriamo di arrivarci. La palla di Messi per il mio gol? Lui capisce all'istante quello che vuole fare, mi ha messo un pallone perfetto e per fortuna è arrivato il gol". Cosa posso dire all'Italia, a Napoli e a tutti quelli che vogliono resti a Napoli? Devono stare tranquilli, perché io sono tranquillo e come ho detto ora manca una settimana qui: ho la testa alla Nazionale".

I tifosi del Napoli, in realtà non sono tranquilli, e già tremano all’idea di perdere il loro bomber. Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, il club azzurro si sta cautelando e ha messo nel mirino il capitano dell’Inter Mauro Icardi. Il classe 93 ha il contratto in scadenza con la società di Corso Vittorio Emanuele il 30 giugno del 2019 e in tre stagioni con la maglia nerazzurra ha messo insieme 105 presenze e 52 reti complessive. La clausola rescissoria di Higuain è pari a 94 milioni di euro e un addio dell'attaccante azzurro è difficile ma non così improbabile. Bisognerà anche capire le intenzioni dell'Inter che difficilmente si priverà del suo capitano senza avere una valida alternativa. Luglio e agosto saranno due mesi molto caldi in casa partenopea: De Laurentiis dovrà resistere e respingere gli attacchi dei più grandi club europei che hanno messo nel mirino il loro bomber principe che in tre stagioni ha segnato 91 reti in 146 presenze.