I 400 stile ritrovano la Fede di bronzo...per paura

Tre bronzi e un argento, stavolta c'è anche la Pellegrini. Azzurro sorriso quello di quest'Italia ai campionati europei in vasca corta a Herning, in Danimarca. Bronzo inatteso nei 1500 sl per Gabriele Detti, 19enne livornese andato dietro all'ungherese Gergely Gyurta e a Pal Joensen mezzofondista pescato nelle isole Far Oer. Detti porta il primato personale a 14'36"43. Delude invece Gregorio Paltrinieri (8°), campione mondiale ed europeo dei 1500 in corta. La forma non era stata esaltante già nei 400 sl.
Molto più esaltante Federica Pellegrini, tornata al podio dei 400 sl dopo un anno e mezzo dalla delusione dei giochi di Londra. Pellegrini che si dice veterana, ma poi insegna ai giovani la via della sofferenza e della resistenza in un 400 dove la spagnola Mireia Belmonte Garcia ha navigato a lungo sotto il record del mondo, per poi vincere con facilità (3'56”14) davanti alla danese Lotte Friis. Federica, in ottava corsia per un tempo alla camomilla fatto al mattino, ha navigato sempre tra il terzo e quarto posto. Gara intelligente conclusa sotto i 4 minuti (3'58”90) in rimonta sulla danese e grande felicità per aver scampata bella. Racconta lei: «Il mio tecnico, Philippe Lucas, mi aveva ricattata, dicendomi: se non vai bene, ti faccio nuotare 10 volte i 400 sl ad ogni allenamento per due volte alla settimana, eppoi per tutta la vita. Capirete che ce l'ho messa tutta. Scherzi a parte: Philippe ha sempre una parola per tranquillizzarmi e farmi sorridere». Un sorriso per la gara che la mette in sofferenza emotiva. E questa medaglia la riconcilia con i 400 sl.: è la quarta nei 400 sl agli euroindoor, dopo gli argenti 2006 e 2007 e bronzo 2005. «Una medaglia che significa tanto». Fra l'altro senza una preparazione specifica, quella è stata riservata ai 200 sl che nuoterà oggi.
Terzo bronzo, forse con un pizzico di rimpianto, dal fisico da cultore di Marco Orsi che, insieme a Filippo Magnini (5°), ha nuotato i 100 sl.: 46”49, migliore prestazione italiana con costume in tessuto. Successo del siluro russo Morozov (45”96) e fin qui nessuna sorpresa, argento all'altro russo, Danili Izotov. Infine argento per la 4x50 sl mista, ovvero staffetta nuotata da due uomini e due donne: in vasca ancora Orsi con Dotto e le quote rosa Di Pietro e Ferraioli, battuti solo dalla Russia.