Inter, Lukaku e Cavani lontani: il piano B si chiama Ante Rebic

L'Inter ha incassato il no da parte di Cavani mentre Lukaku si sta per accordare con la Juventus. Marotta e Ausilio virano su Rebic dell'Eintracht Francoforte che però non è una prima punta

L'amministratore delegato dell'Inter Giuseppe Marotta era stato chiaro qualche settiman fa: "Arriveranno due punte, una giovane e una esperta". Fino a questo momento però non si è mosso niente per il reparto avanzato e anzi i nerazzurri si sono quasi visti scippare Romelu Lukuku in procinto di passare alla Juventus e si sono sentiti dire no da Edinson Cavani che vorrebbe restare ancora al Psg per tentare l'assalto alla Champions League. Se per la punta esperta, ovvero Edin Dzeko, alla fine c'è la convinzione che si arriverà ad un accordo con la Roma, per la l'attaccante giovane l'Inter sembra essere costretta a virare su altri obiettivi dato che in circolazione non ci sono molti giocatori appetibili sul mercato. Se dovesse arrivare la fumata bianca tra Lukaku e la Juventus, che in cambio darebbe al Manchester United Paulo Dybala, allora l'Inter punterebbe tutto su un croato che gioca in Bundesliga e con un passato in Italia con Fiorentina e Verona: Ante Rebic.

Il croato classe '93 ha naturalmente un ruolo diverso rispetto al gigante belga che nell'immaginario collettivo avrebbe preso il posto del partente Mauro Icardi. Rebic veste la maglia dell'Eintracht Francoforte da tre anni e con questa maglia ha messo a segno solo 20 reti in 80 presenze complessive. L'ex viola, infatti, ama partire da esterno e non può essere considerato una vera e propria punta. Secondo quanto riporta Sportmediaset l'Eintracht valuta il suo giocatore 40 milioni di euro e in tutto questo anche la Fiorentina "spera" che l'affare vada in porto visto che la metà andrà nella casse dei viola che al momento della cessione ai tedeschi aveva inserito una clausola con il diritto di incasso del 50% della futura vendita. Rebic è un buon giocatore ma non può essere di certo considerato l'attaccante di peso che tanto sta aspettando Antonio Conte che ha in mente un'Inter fisica nel reparto offensivo per scardinare le difese avversarie.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?