Juve, due scudetti dopo un ko al via

Zoff in porta, poi in ordine numerico Gentile, Cuccureddu, Furino, Morini, Scirea, Damiani, Causio, Altafini o Anastasi, Capello e Bettega. Questo è stata l'ultima Juve a vincere uno scudetto dopo aver perso alla prima giornata di campionato. Da allora sono passati 40 anni: era la stagione 1974-75 e in panchina c'era Carlo Parola. Se la sconfitta interna contro l'Udinese, oltre ad esser la prima in casa alla prima giornata nella storia della Juventus, ha aumentato le perplessità tecniche e di leadership dopo l'addio di Pirlo, Tevez e Vidal, ci sono altri motivi statistici per preoccuparsi. In 83 campionati di Serie A a girone unico dal 1929-30, soltanto quattro squadre, dopo aver perso all'esordio, si sono poi laureate campioni d'Italia. Ma mai nessuno ha vinto il tricolore partendo con una sconfitta casalinga.

Ultimo a riuscirci il Toro di Radice

L'ultima formazione a riuscire nell'impresa fu il Torino di Gigi Radice nel 1975-76. Sì, quello storico di Sala, Pulici, Graziani, Pecci e Zaccarelli, solo per citarne qualche trascinatore. La reazione fu immediata: dopo la sconfitta a Bologna, arrivò un perentorio 3-0 alla seconda sul Perugia e nessun'altra sconfitta fino a febbraio. Da allora, nell'ultimo quarantennio, non è mai più accaduto. Le percentuali della storia della serie A sono impietose: nel 76% dei casi la squadra campione ha vinto all'esordio, nel 19% ha almeno pareggiato e solo nello striminzito 5% del totale ha subito un ko nella prima di campionato.

Specialità piemontese

L'unico dato che può incoraggiare Allegri riguarda la provenienza delle quattro squadre che ce l'hanno fatta. Gli unici club a riuscirci sono stati infatti quelli di Torino: due volte i granata (1943 e 1976) e due proprio la Juventus (1933 e 1975). E se i bianconeri perdessero anche la seconda giornata nell'insidiosa trasferta di Roma? I precedenti da quattro si ridurrebbero a un unicum incredibile: il Torino '42-43, che perse la prima partita contro l'Inter e venne battuto anche alla seconda in casa dal Livorno per 1-2. L'obiettivo di Pogba e compagni resta comunque immutato, ma viste le premesse e l'inizio in salita, l'impresa bianconera, se si concretizzasse, sarebbe memorabile.