Juve, paura per Mandzukic. Allegri: "No good". Salta la Supercoppa?

Tegola per la Juventus che per la sfida di Coppa Italia di sabato sera contro il Bologna dovrà fare a meno di Mandzukic a causa di un problema ai flessori della coscia sinistra. Il croato potrebbe saltare anche la sfida di Supercoppa con il Milan

"Mario? No good, come dice sempre lui". Nella conferenza stampa di presentazione della sfida di sabato sera contro il Bologna, valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia, Massimiliano Allegri ha fatto intendere che l'attaccante croato Mario Mandzukic non ci sarà. Colpa di un fastidio ai flessori accusato durante l'allenamento di venerdì pomeriggio alla Continassa. Se la sua assenza nel match dello stadio Dall'Ara appare scontata, la vera preoccupazione della Juventus è legata alla possibilità di vederlo in campo nella più importante partita di Supercoppa Italiana contro il Milan. Alla partita che si giocherà in Arabia Saudita mancano appena cinque giorni e dalla società bianconera filtra una certa preoccupazione. Anche se reduce da un faticoso mondiale dove con la Croazia è arrivato a un passo dalla vittoria finale, quest'anno Mandzukic ha impressionato i tifosi bianconeri con addirittura 8 gol e 3 assist in 16 partite di campionato. Un rendimento super legato anche all'arrivo di Cristiano Ronaldo, sistematicamente raddoppiato dai difensori avversari che in questo modo hanno lasciato più spazio all'ex centravanti di Atletico Madrid e Bayern Monaco.

A questo punto la domanda è: chi lo sostituirà? Contro il Bologna, probabile l'impiego dal primo minuto per la prima volta in stagione del classe 2000 Moise Kean. A suggerirlo lo stesso Allegri: "Sì, può giocare dal primo minuto come Spinazzola, che è in ballottaggio con Alex Sandro. Ronaldo? Ci sarà". Diverso il discorso per la ben più importante sfida contro il Milan, con la possibilità per la Vecchia Signora di tornare a conquistare dopo tre anni un trofeo che le è sfuggito nel 2017 dopo la sconfitta per 3-2 contro la Lazio e nel 2016 per mano proprio dei rossoneri (4-3 ai rigori per i ragazzi di Vincenzo Montella). Ma in entrambe le edizioni non c'era Cristiano Ronaldo, che proverà a regalare al Milan di Rino Gattuso l'ennesima delusione stagionale guidando il tridente insieme a Dybala e Douglas Costa.